Tralìce

Cominciamo lamentando la prematura dipartita del De Mauro online, che tante volte abbiamo utilizzato (anche perché c’era un comodo plugin per Firefox!). Il sito annuncia laconicamente:

La versione online del dizionario italiano De Mauro Paravia non è più attiva. Siamo rammaricati ma dobbiamo porre termine al servizio, essendo l’opera fuori catalogo.

Comprensibilmente, e giustamente, fioccano le proteste.

Ci consoliamo con il Sabatini Coletti:

Tralice [tra-lì-ce o trà-li-ce]: usato solo nella locuzione “in tralice” (meno comunemente: “di tralice”) → secondo una linea obliqua, di traverso: tagliare una stoffa in tralice | guardare qualcuno in tralice → di sbieco, di sottecchi.

Attestata dal secolo XVII, deriva dal latino licium (filo) con il prefisso tra- (al di qua), e dunque “fuor di filo”, “fuori squadra”, “di traverso”, “obliquamente”.

Pubblicato su Parole. Leave a Comment »