Samuel Arbesman – The Half-life of Facts

Arbesman, Samuel (2012). The Half-life of Facts: Why Everything We Know Has an Expiration Date. New York: Current. 2012. ISBN 9781101595299. Pagine 256. 14,10 €

amazon.com

L’idea di fondo del libro è originale e stimolante: i fatti e le nozioni che apprendiamo e formano l’insieme delle nostre conoscenze hanno una durata limitata, non definibile specificamente, ma prevedibile statisticamente, come succede per il decadimento degli atomi radioattivi. Arbesman articola e argomenta quest’idea diffusamente e in modo approfondito, a partire dalla disciplina di cui è un esperto, la scientometria, ma poi si disperde in campi forse abbastanza prossimi all’argomentazione e all’argomento centrale, ma non strettamente connessi. La mia impressione finale è quella che, in questo modo, il libro abbia perso in efficacia e che l’autore abbia perso l’occasione di trasmetterci un’idea originale e memorabile. Temo che una bella porzione di responsabilità per questo esito ricada sulle spalle dell’agente letterario di Arbesman, Max Brockman, figlio e socio del più famoso John di cui abbiamo già avuto occasione di scrivere (qui, per esempio, ma anche qui, qui, qui anche se per un errore imperdonabile, e da ultimo qui).

Insomma, alla fine sono rimasto un po’ deluso, non per specifiche manchevolezze, ma per una certa mancanza di compattezza del volume. Si capirà meglio che cosa intendo dire percorrendo l’indice del volume, capitolo per capitolo:

  1. The Half-life of Facts: il capitolo dedicato all’argomento di fondo del libro, all’idea che la conoscenza è come la radioattività, nel senso che prevedere quando un singolo atomo d’uranio decadrà è pressoché impossibile, ma prevedere quando la metà degli atomi di una blocco di uranio decadrà è possibile nell’aggregato (704 milioni di anni è la risposta). Lo stesso, sostiene in modo convincente Arbesman, è vero per i fatti che costituiscono la conoscenza nel complesso o in una singola disciplina.
  2. The Pace of Discovery: segue un andamento di crescita esponenziale e non lineare. Di qui Arbesman passa a raccontare la nascita della scientometria e i suoi risultati principali.
  3. The Asymptote of Truth: l’idea dell’emivita dei fatti viene corretta illustrando il carattere cumulativo delle scoperte scientifiche.
  4. Moore’s Law of Everything: il capitolo illustra dapprima l’idea che un risultato come quello implicito nella legge di Moore è il risultato del succedersi di una serie di fenomeni di crescita che obbediscono a una legge logistica e poi generalizza l’idea alla scienza e alla tecnologia.
  5. The Spread of Facts: l’informazione non si diffonde istantaneamente e segue percorsi che possono essere studiati dalla network analysis.
  6. Hidden Knowledge: la coda lunga dell’expertise e la nascita di InnoCentive, e molte molte altre cose … Insomma, una dei capitoli più ricchi di spunti ma anche tra i più dispersivi.
  7. Fact Phase Transitions: apparentemente in contraddizione con l’idea dell’emivita dei fatti, l’idea che le innovazioni possono comparire all’imnprovviso è in realtà il portato della stessa logica che porta a distinguere i comportamenti micro (imprevedibili e cumulativi) dal’emergere di quelli macro (l’emivita, appunto, ma anche le transizioni di fase).
  8. Mount Everest and the Discovery of Error: che cosa siano i fatti e come cambiano è spesso una questione di misurazione (un tema affascinante, ma non nuovo per chi fa lo statistico).
  9. The Human Side of Facts: tra i vari limiti umani, il capitolo si concentra sulla shifting baseline syndrome, quella che ci fa percepire il cambiamento soltanto prendendo a riferimento lo stato del mondo al momento della nostra nascita o a quello in cui siamo diventati per la prima volta coscienti di un fenomeno.
  10. At the Edge of What We Know: anche il nostro cervello ha una carrying capacity? Anche tutto il complesso della conoscenza segue una logistica? (O forse ha ragione Ray Kurzweil e la singolarità è vicina?)

Non vorrei lasciarvi soltanto con la mia recensione non del tutto convinta. Perciò, prima di passare al consueto florilegio di citazioni, la parola alla difesa.

* * *

Cominciamo con due interventi in video dello stesso Sam Arbesman. Entrambi sono una presentazione del suo libro, la prima  TED:

La seconda girata per la Kaufmann Foundation, dove Arbesman lavora:

Il terzo video è una divertente animazione:

* * *

E adesso, un po’ di recensioni trovate in giro sul web:

* * *

Ed ecco le consuete citazioni (riferimento come sempre alle posizioni sul Kindle). Vi consiglio di darci almeno un’occhiata, perché aiutano a capire perché – nonostante i difetti strutturali segnalati in precedenza – resta comunque un libro che è utile leggere, per i numerosi spunti e stimoli che contiene.

Facts are how we organize and interpret our surroundings. [103]

[W]hen people thought the earth was flat, they were wrong. When people thought the earth was spherical, they were wrong. But if you think that thinking the earth is spherical is just as wrong as thinking the earth is flat, then your view is wronger than both of them put together. [605. La citazione è tratta da: Asimov, Isaac. “The Relativity of Wrong”. The Skeptical Inquirer. 14, no. 1 (1989): 35-44]

Larger groups of interacting people can maintain skills and innovations, and in turn develop new ones. A small group doesn’t have the benefit of specialization and idea exchange necessary for any of this to happen. [969: Density is destiny]

Viewed this way, a city is then a place where people can easily interact. [1067]

Simkin and Roychowdhury conclude, using some elegant math, that only about 20 percent of scientists who cite an article have actually read that paper. [1483]

In 1771, a French academy offered a prize for finding a vegetable that would provide adequate nutrition during a time of famine. The prize was won two years later by Antoine Parmentier for his suggestion of the potato. [1656]

In 1999, Albert-László Barabási and Réka Albert wrote a celebrated paper that was published in Science, one of the world’s premier scientific journals, about a process they termed preferential attachment. The process is responsible for creating a certain pattern of connections in networks — also known as a long tail of popularity — by the simple rule of the rich getting richer, or in this case, connections begetting more connections. For example, on Twitter there are a few individuals with millions of followers, while most users have only a handful. This paper shows how, by assuming a simple rule that newcomers look at everyone in the network and are more likely to connect with the most popular people, you can explain why you get the properties of the entire network — in Twitter or elsewhere — that we see. Using a wide variety of datasets and some mathematics, they showed this rigorous result.
Unfortunately, they weren’t the first. Derek Price, the father of scientometrics, had written a paper in the 1970s showing that one can get this same pattern by invoking a similar rule with respect to how scientific papers cite one another. But Barabási and Albert didn’t know about Price.
Price wasn’t the first either. Herbert Simon, a renowned economist, had developed the same idea in the fifties. Which also happened to be the same concept that Udny Yule had published several decades earlier.
The general concept of preferential attachment is actually known by many names. It’s known as the Matthew effect, as Robert Merton coined it, in sociology, and is related to something known as Gibrat’s Law when it comes to understanding how cities and firms grow. [1665-1669]

To understand that sort of thing, or any other system for which we want to explain a certain phenomenon, we need to create much simpler models. These don’t make any claims for verisimilitude. Instead, they go to the other extreme and claim the following: We can make an extremely basic model that even with all the complexity of real life stripped away still has certain features of our complicated world. And if we can capture these features of our world, maybe we can understand why they occur. In our case, the question is whether a simple model can be made that exhibits phase transitions. [2008]

For example, the larger the population of a city, the smaller the number of gas stations that are necessary per capita; gas stations might be indicative of energy usage of the city as a whole, and it seems that larger cities are more efficient consumers of energy. This is similar to how larger organisms are more energy efficient than smaller ones. [2193]

Precision refers to how consistent one’s measurements are from time to time. [2407]
Accuracy refers to how similar one’s measurements are to the real value. [2411]

“Statistics is the science that lets you do twenty experiments a year and publish one false result in Nature.” [2475. La citazione è attribuita a John Maynard Smith]

Shifting baseline syndrome was first identified and named by Daniel Pauly to refer to what happened with fish populations throughout the world. [2774]

Alan Kay, a pioneering computer scientist, defined technology as “anything that was invented after you were born.” [2786. La citazione è tratta da: Kelly, Kevin. What Technology Wants. New York: Viking. 2010. p. 235]

While we are nowhere near the end of science — the sum of what we don’t know is staggering — we might very well be in a logistic curve of ever-changing knowledge as well, rather than one of exponential growth. One of the reasons I believe this could be true is simple: demographics. It seems unlikely that the rapid population growth will continue growing faster and faster. Whenever a country has become industrialized, its development has gone hand in hand9 with a drop in birth rate. Therefore, as the world as a whole advances technologically, population will cease to grow at the frenetic pace of previous decades and centuries. Combined with energy constraints — we are nowhere near our limits, but our energy resources are certainly not unbounded — exponential knowledge growth cannot continue forever. On the other hand, as computational power advances, computer-aided scientific discovery could push this slowdown far off into the future. [3277]

Contare le gazze

Oggi (28 dicembre 2012) a Roma è stata un’insperata giornata primaverile. Dopo un’alba nebbiosa si sono fatti strada: un sole smagliante, in primo luogo; una luce limpidissima (in secondo), un cielo terso (in terzo). Il tramonto si è poi riempito di una luce dorata e fosca quasi estiva.

Nel cielo di metà mattina, sopra il teatro dell’opera di Roma (anche se non mi sembra ci fosse Rossini in cartellone) si sono rincorse rumorosamente due gazze, facendo – appunto – una discreta gazzarra:

  1. Chiasso, baccano, dovuto di solito ad allegria esuberante e scomposta: far gazzarra; la gazzarra dei ragazzi nel cortile; una indecente, vergognosa gazzarra.
  2. anticamente: Strepito guerriero, d’armi o di grida, come manifestazione di giubilo: giunse l’ammiragliomenando gran gazzarra e trionfo (G. Villani); l’artiglieriacominciò a fare una lieta e spaventosa gazzarra (Varchi). Anche, sparo di fuochi artificiali.

Fin qui il solito Vocabolario Treccani. Peccato – e non potete immaginare quanto sia stata cocente la delusione per me, che di false etimologie mi nutro – che le gazze non abbiano nulla a che fare con la gazzarra, nonostante il loro verso sia rumoroso. Sempre secondo il Vocabolario Treccani gazzarra viene

dall’arabo ghazāra «folla, gran quantità», da cui anche lo spagn. algazara.

wikimedia.org/wikipedia/commons

Come potete vedere da soli, è un uccello molto bello e caratteristico, e non stupisce che alla gazza siano legate molte leggende. Messaggero di morte e uccello del malaugurio nella mitologia germanica, in una famosa nursery rhyme i presagi si sono differenziati e legati al numero di esemplari avvistati. A me, a Dublino nel 1966, l’avevano insegnata così:

One for sorrow,
Two for joy,
Three for a marriage,
Four for a boy.

4 gazze su un tetto a Dublino

4 gazze su un tetto a Dublino

La versione completa della nursery rhyme, secondo Wikipedia, è questa:

One for sorrow,
Two for joy,
Three for a girl,
Four for a boy,
Five for silver,
Six for gold,
Seven for a secret,
Never to be told.

Ma una più antica (circa 1780, registrata nelle Observations on Popular Antiquitites di John Brand) conserva tutta l’antico legame con la morte:

One for sorrow,
Two for mirth,
Three for a wedding,
And four for death.

Quella riportata in una raccolta pubblicata a Londra nel 1846 (M. A. Denham. Proverbs and Popular Saying of the Seasons) elabora il tema più ampiamente, ma oscilla ancora – curiosamente, in varianti entrambe attestate – tra morte ed eventi gioiosi:

One for sorrow,
Two for luck [or mirth],
Three for a wedding,
Four for death [or birth],
Five for silver,
Six for gold;
Seven for a secret,
Not to be told;
Eight for heaven,
Nine for hell,
And ten for the devil’s own sell!

Tra le tante canzoni ispirate alla filastrocca, ho trovata bella (e inquietante) quella del giovane cantautore Patrick Wolf, in duetto con la misteriosa e sempreverde Marianne Faithfull:

PATRICK: Magpie, was it you who stole the wedding ring? Or what other thieving bird would steal such hope away? Magpie, I am lost among the hinterland, caught among the bracken and the fern and the boys who have no name.
MARIANNE: There’s no name for us.
PATRICK: Still we sing.
MARIANNE: And still we sing. little boy, little boy, lost and blue, listen now, let me tell you what to do. You can run on, run along, alone or home between the knees of her; all among her bracken and her ferns and the boy will have a name.
BOTH: We will sing.
MARIANNE: And we will sing.
MARIANNE: One for sorrow.
PATRICK: Two for joy.
MARIANNE: Three for a girl.
PATRICK: Four for a boy.
MARIANNE: Five for silver.
PATRICK: Six for gold.
MARIANNE: Seven for a secret, never to be told.

A questo punto Rossini è meno inquietante …

… o no?

4 passi natalizi

Neofita salutista, ho fatto una passeggiata nel piovigginoso crepuscolo milanese per smaltire gli eccessi natalizi.

Ho incontrato poche persone, come era da aspettarsi. Esperto in pattern recognition, le collocherei in 4 categorie principali:

  1. Salutisti inveterati: io sono un passeggiatore dilettante, i veri salutisti corrono sotto la pioggia in scarpette e pantaloncini, concedendosi soltanto una cuffia di lana o di pile calcata sugli occhi. Pericolosi, perché sbandano per la stanchezza e seguono traiettorie erratiche.
  2. Passeggiatori di cani, in proprio o per conto terzi. Ho incontrato anche una coppia che spingeva nella penombra e nella pioggia un passeggino incellofanato: outlier e outsider, direi.
  3. Extracomunitari estranei alle tradizioni natalizie: prevalentemente nordafricani e cinesi, nelle strade milanesi in cui mi sono spinto.
  4. Tabagisti inveterati conviventi con persone talmente intolleranti al loro vizio da proibire anche il balcone.

Un microcosmo di sfigati. Io passavo di lì per caso.

 

Dr. Jen Gunter: il 2° emendamento mi dà il diritto di detenere anche armi biologiche, no?

Jen Gunter è una ginecologa militante democratica, attivista dei diritti civili, blogger, polemista … non finisce qui e non necessariamente in quest’ordine.

Dr. Jen Gunter

Ieri ha affisso un post che ho trovato piuttosto divertente ed efficace. Come penso ormai sappiate tutti, dopo l’ennesima strage in una scuola (questa volta a Newtown, Connecticut), il 2° emendamento della costituzione americana garantisce a tutti i cittadini il diritto di possedere e usare armi, e questo diritto è vigorosamente difeso dalla potentissima lobby NRA (National Rifle Association). L’emendamento recita letteralmente:

A well regulated militia being necessary to the security of a free state, the right of the people to keep and bear arms shall not be infringed.

Una sentenza fondamentale della Corte suprema ha stabilito nel 2008 che il 2° emendamento protegge il diritto di ogni singolo cittadino americano, che presti o meno servizio in una milizia, di detenere e usare un’arma. Ma se è così – argomenta Jen Gunter – tutela il mio diritto di detenere e usare qualunque tipo di arma: non soltanto un fucile o un a pistola, ma anche un’automatica o un mitragliatore d’assalto (come si è sostenuto per Newtown); e allora perché non un’arma biologica, come l’antrace o il vaiolo? Un’arma è un’arma, no?

drjengunter.files.wordpress.com

Ecco il post (Getting the NRA to protect my right to bear biological weapons | Dr. Jen Gunter):

There’s been lots of talk about how the right to own semi-automatic guns and rifles is protected under the 2nd Amendment. The NRA and many gun aficionados feel that owning a semi-automatic weapon is a right of the people not to be infringed upon. And anyway, according to many people who support semi-automatic weapon ownership (or at least the ones who send me nasty tweets) these guns are very safe, because it’s not the gun, or the magazine that holds the 33 bullets, or even the bullets themselves that does the killing, it’s the person who pulls the trigger.

I’m calling bullshit, because I’m an infectious diseases aficionado and the NRA isn’t talking one bit about protecting my right to own biological arms. After all, many governments, including Uncle Sam, feel that a stock of biologics is part of a well regulated militia. I know biological weapons aren’t specifically spelled out in the 2nd Amendment, but neither are semi-automatic weapons and hey, arms is arms.

I’d like to start my collection with small pox, anthrax, and that heavy duty non-medical grade botulinum toxin (the cosmetic grade stuff is for pussies). I’m fine with getting a permit, a 72 hour wait, and even a background check, but since no test is needed to show I know how to handle a gun that can kill 33 people a minute and I’m not required to lock up a semi-automatic weapon, I shouldn’t need to prove I can handle small pox. I mean, it’s only dangerous if I take it out of its vial in uncontrolled circumstances in anything less than a level 4 microbiology lab and I just want to collect it and compare potency with other super bug and toxin aficionados.

And long as we’re interpreting the 2nd Amendment this way, I’d like my right to carry concealed biologics protected as well.

L’iconografia della nuova destra

Se ne occupa Imprint, la rivista online per la comunità dei designer, in un articolo del 17 dicembre 2012 intitolato Old Symbols for Italy’s New Ultra-Right Party e scritto da Steven Heller (che abbiamo incontrato qui, a proposito di una campagna per scoraggiare gli aspiranti suicidi della metropolitana di Londra).

Non tradurrò l’articolo in italiano per pura viltà (non vorrei fossero imputate a me le opinioni di Heller, visto l’intelligenza limitata e l’ancora più limitata tolleranza per le opinioni altrui dei simpatizzanti dei partiti e movimenti di cui parleremo. sono stato malmenato qualche volta da giovane e adesso non ho più l’età.

* * *

Forza Nuova (New Force) is the latest fascist wannabe on Italy’s right wing. And although relatively new to the scene, its poster (below) borrows vintage imagery from a certain long-defeated German nationalist party. The FN’s logo, while looking a little Barbara Kruger, uses that same German nationalist party’s favorite colors.

Un manifesto (affisso abusivamente) di Forza Nuova

Un bassorilievo di Arno Breker

Forza Nuova belongs to a confederation of old and new European ultranationalist parties called the European Nationalist Front (FNE), whose President is Robert Fiore. Fiore is also the founder of Forza Nuova. The group includes as members the National Democratic Party of Germrany (NPD), the National Revival of Poland (NOP), the New Right (ND) of Romania, the Falange of Spain, and the Golden Dawn (XA) of Greece. Each organization has its own national nuances and idioms, but they share extreme anti-immigrant, anti-semitic, pro-nationalistic, racist, violent ideas and employ new media and crowdsourcing for outreach. (Members of the German Federal government have moved to constitutionally ban the NPD — more here.)

La falange spagnola

L’ala destra rumena

La rinascita nazionale polacca

Alba dorata

* * *

wikimedia.org/wikipedia/commons

Su quest’ultimo simbolo però permettetemi di dire la mia: a parte una vaga reminiscenza di svastica nazista (non penso casuale) e di meandro decorativo greco (vedi sopra), a me ricorda irresistibilmente il logo dell’ISI, l’Istituto internazionale di statistica. Ditemi voi se sbaglio!

La valutazione della ricerca

  1. Anche all’estero si discute del nostro sistema di valutazione della ricerca. Ricostruisco la vicenda con Storify.
    Il primo articolo che ho trovato è stato quello di Dan Cossins pubblicato il 17 dicembre 2012 sulla rubrica The Nutshell della rivista online The Scientist.

  2. Quell’articolo a sua volta citava una nota di Laura Margottini pubblicata il 13 dicembre su ScienceInsider, una newsletter (Breaking news and analysis from the world of science policy) dell’autorevolissima Science, organo dell’American Association for the Advancement of Science.

  3. L’articolo cita l’ANVUR e i suoi critici (ROARS, scienzainrete.it, il cui link però non funziona) e il britannico Research Excellence Framework.
  4. Curioso, ma non casuale, che l’unico commento (peraltro anonimo) all’articolo di Laura Margottini rilevi sarcasticamente:

    Many protesters are sons and daughters of Italian university professors. And their parents are protesting too.

La macchina che cambiò il mondo: un documentario del 1992

The Machine That Changed the World è un lungo ed esauriente documentario sulla storia del computer. Peccato che, dopo la sua uscita nel 1992, sia praticamente scomparso dall’orizzonte ottico (come direbbe Ivano Fossati) e sopravviva soltanto in Vhs in qualche biblioteca scolastica. Fino a quando qualche anima buona l’ha messo su YouTube.

Buona visione.