Esùvia (o exuvia)

1. In zoologia, strato superficiale del tegumento che in alcuni animali (rettili, crostacei, insetti) si stacca periodicamente sotto forma di membrana continua (comunemente detta buccia o spoglia).

2. Al plurale, con latinismo dell’uso letterario (anche nella variante exuvie), le spoglie tolte al nemico.

Wikimedia Commons

Wikimedia Commons

A me, naturalmente, delle spoglie del nemico interessa ben poco. M’interessa, e molto, incontrare una parola nuova (chissà poi se è veramente nuova, per me, o se semplicemente è la mia memoria che comincia a vacillare).

Più di tutto mi interessano le esuvie del comune granchio verde Carcinus moenas: al momento della muta, quando la sua corazza viene abbandonata e diventa perciò un’esuvia, solerti pescatori della laguna veneta lo catturano e, friggendolo in pastella, lo trasformano nella prelibata moeca.

bomas.it

bomas.it

Pubblicato su Parole. 2 Comments »

2 Risposte to “Esùvia (o exuvia)”

  1. Morgaine Says:

    Davvero è verde il granchio delle moeche e non rossiccio come quelli che compriamo al mercato?

  2. cristiana70 Says:

    Molto interessante il tuo blog,scoperto per caso.
    Cristiana


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: