Lipari, l’iPhone e la negromanzia

Oggi devo essere particolarmente confuso, perché non riesco a capire se quello che mi dà tanto fastidio è quella che qualche anno fa Marco Travaglio ha chiamato La scomparsa dei fatti o se sono quelle che Sabina Guzzanti ha chiamato Armi di distrazione di massa.

I primi sintomi di irritazione – nulla di grave, una sensazione come quando la sabbia s’infila nelle braghette del costume – si sono manifestati con il nubifragio di Lipari, o meglio con il modo con cui hanno dato la notizia i giornali-radio Rai (i telegiornali non so: di televisione ne guardo poca o punta). Se ho capito bene – ma i condizionali sono d’obbligo – il nubifragio si è abbattuto su Lipari sabato 15 settembre. Io ne ho avuto notizia domenica 16 alle 16:45 quando una mia amica ha condiviso su facebook una notizia (con allegata foto) che recitava:

INCREDIBILE DISASTRO A LIPARI, E’ STATA UNA VERA E PROPRIA ALLUVIONE MA SUI MASS-MEDIA NESSUNO NE PARLA!!! FATE GIRARE QUESTO REPORTAGE CON TUTTE LE FOTO!! LE EOLIE ADESSO HANNO BISOGNO DI AIUTO!!!

Nubifragio a Lipari

meteoweb.eu

In realtà, l’articolo che si citava era già vecchio di un giorno e per la verità non accusava i mass-media di una sorta di congiura del silenzio.

La cosa curiosa (la sabbia nel costume da bagno) è che finalmente il 17 settembre il giornale radio della mezzanotte (RadioRai 1 de): «Ha dato la notizia del nubifragio,» direte voi. No. Ha smentito che si sia intervenuto tardivamente! Lo potete ascoltare qui: il servizio comincia circa a 13’15”. Il servizio è di Ilaria Amenta, già in odor di Pulitzer: non dice quando è stato il nubifragio (più di 36 ore prima) ma che ora splende il sole. Naturalmente intervista un’assessora che con un incredibile accento milanese racconta che il coordinamento è stato ottimo. Si è edificato nel letto del torrente, ammette l’assessore, ma da sempre…

L’altra grande assente dalle notizie di questa settimana è l’articolo con cui Avvenire, quotidiano della Conferenza episcopale italiana, prende le distanze dall’iPhone. Tutti l’hanno commentato, nessuno però citandolo letteralmente. Eppure, se c’è una cosa di cui si dovrebbero essere accorti tutti, è che trovare e linkare qualche cosa su internet è facilissimo. E che quindi consentire al lettore di farsi un’idea di prima mano dovrebbe essere considerato un dovere del commentatore.

Ecco dunque l’articolo di Chiara Giaccardi, professore ordinario di Sociologia e antropologia dei media all’Università cattolica del Sacro Cuore di Milano.

Chiara Giaccardi

vitatrentina.it

Fatevi un’idea da soli. A me sembra ancora più delirante di come ce l’hanno presentato i commentatori. Intervallo (in rosso) qualche commento mio.

Un altro superprodotto, qualcosa su cui riflettere persino con urgenza

Tutti (davvero) pazzi per la tecno-novità

La rete nelle ultime ore è stata inondata di post, tweet, articoli sull’uscita e le meraviglie dell’iPhone 5, presentato al pubblico mercoledì e dal 28 settembre in commercio anche in Italia. A meno di un anno dalla scomparsa del mitico (nel senso usato da Barthes: un vero «mito di oggi») fondatore della Apple, Steve Jobs, e dall’uscita del modello precedente, il 4s, il nuovo “nato” viene presentato come «il più grande evento nella storia dell’iPhone dopo il primo iPhone». Come recita la presentazione ufficiale, «grande, ma con un basso profilo» dato che è «il 18% più sottile e il 20% più leggero dell’iPhone 4S».  Ma qualche millimetro e qualche grammo in meno giustificano il tam tam che sta intasando il Web?

Un momento, l’iPhone 5 non è soltanto più sottile e più leggero del modello precedente, ma anche maggiore potenza e velocità, e una serie di caratteristiche innovative. Che siano molto o poco innovative è questione opinabile. Ma falsare i dati di fatto non mi pare il modo più corretto di svolgere un’argomentazione.

Pur essendo, lo confesso, una utilizzatrice entusiasta degli “aggeggi” Apple (senza però inseguire l’ultimo modello), e apprezzando la sintesi riuscitissima tra forma e funzione che Jobs ha saputo realizzare, come studiosa non posso non osservare, con uno sguardo critico, una serie di fenomeni che questo “caso” mediatico fa emergere con particolare evidenza. Il primo è l’autoreferenzialità, oserei dire il provincialismo del sistema dei media. Il villaggio globale multipiattaforma è diventato una gigantesca stanza degli echi, che fa rimbalzare, amplificandoli, messaggi già costruiti con la piena consapevolezza di questi meccanismi: casi che diventano quindi miracoli annunciati, profezie che si autoavverano.

Ho osservato questa dinamica su Twitter: i micro blogger italiani, molti legati alla stampa, riprendono gli studiosi stranieri, che riprendono i grandi quotidiani, che rilanciano i comunicati pubblicitari dell’azienda. Qualcuno, lamentandosi dell’eccessivo spazio occupato dai commenti a questo lancio, contribuisce ad aumentare il volume della comunicazione sul caso. Un circuito che vale anche per gli altri generi di notizie: ormai la stampa e la tv guardano sempre più massicciamente alla rete come fonte di contenuti e soprattutto di “novità”, nella frenetica rincorsa ad arrivare primi a dire qualcosa che non sia già stato detto. L’effetto è quello di rinforzo, di legittimazione reciproca. Sempre meno di pluralismo. Casi come questo dimostrano che la moltiplicazione dei canali e delle piattaforme non necessariamente diversifica i punti di vista. E, spesso, i giornalisti – con tutto il rispetto per chi svolge con impegno e coscienza questa importantissima professione – rischiano di trasformarsi in uomini di marketing al servizio – gratuito – delle aziende.

Meglio, certamente, il pluralismo e l’indipendenza dalle opinioni dominanti e dalle gerarchie per cui è famosa, da secoli, santa romana chiesa …

Una seconda considerazione è più antropologica: dispositivi come il nuovo iPhone sembrano realizzare il sogno prometeico di un controllo della realtà attraverso la tecnologia. E, in un mondo il cui il “pensiero” dominante tende a rifiutare la religione in nome della ragione, paradossalmente riaccendono la fiducia nella magia: come la bacchetta magica (un tipico dispositivo touch, estensione del braccio umano) era in grado di produrre immediatamente apparizioni, trasformazioni, eliminazioni, così lo smartphone, protesi ubiqua e sempre attiva, sempre più leggera, maneggevole (anzi, user friendly) e quasi trasparente ci consente, secondo la definizione di magia formulata dal celebre antropologo Marcel Mauss, di «azzerare l’intervallo tra desiderio e realizzazione»: le cose che desideriamo succedono immediatamente, basta un tocco (e la app giusta).

Meraviglioso capovolgimento. La tecnologia è magia, ci dice Chiara che parla dall’interno, dall’organo ufficiale di stampa, del più rigoroso e autoconcluso sistema di credenze magiche e irrazionali del pianeta. O c’è una magia buona (quella dei miracoli di Padre Pio) e una magia cattiva (quella di Harry Potter o delle previsioni del tempo online)?

Forse, su questa nostalgia del magico occorrerebbe una riflessione. Poi ci sono le dinamiche sociali: il mimetismo, lo spostamento del desiderio su oggetti sempre nuovi, la rincorsa degli status symbol, il bisogno di sentirsi al passo con un tempo che corre sempre più veloce…  Pare, secondo alcune recenti ricerche svolte negli Usa, che la rincorsa all’ultimo modello, e la supremazia simbolica della “mela morsicata” stiano producendo nuove forme di disuguaglianza e una sorta di «razzismo tecnologico», che discrimina i not have: chi non possiede l’iPhone e deve ripiegare su dispositivi più economici, e chi non può permettersi il modello più aggiornato soffre di una sorta di «inferiorità sociale».

La supercazzola …

Le stesse tecnologie che hanno reso il mondo più orizzontale rischiano dunque di produrre nuove tensioni, se il discorso dell’innovazione viene affrontato solo in termini di entusiasmo tecnologico. E infine, anche ci sarebbe tanto ancora da dire, non si può negare un “effetto distrazione”. Proprio stamattina ho letto un tweet che mi ha fatto riflettere. Era in inglese, lo traduco così: «Più impressionante caratteristica dell’iPhone 5: capacità di eliminare dalla tua mente ogni fatto spiacevole che accade fuori». Anche di questo, forse, bisogna essere consapevoli.

Se è per questo che lo comprate, una canna o una bottiglia di grappa costano meno …

Chiara Giaccardi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: