Non credere alle proprie orecchie: la possessione

Non so se esiste l’equivalente uditivo delle traveggole [Vocabolario Treccani: Usato solo nelle locuz. avere le t., travedere, vedere una cosa per un’altra (anche fig., ingannarsi nel giudicare, nel credere), e far venir le t., far travedere, appannare la vista: «Non fu così; tu menti per la gola; tu hai le t.» (Boccaccio); nella fine dissono che ’l banditore ave’ aùto le t. (Sacchetti); un movimento d’immagini così rapido da far venir le traveggole.], quanto meno in una parola sola. Diciamo allora che stentavo a credere alle mie orecchie quando stamattina verso le 7:45 ho sentito su Radio Popolare Roma la pubblicità di questo corso:

Le possessioni: disturbo psichico o danno spirituale?

neuropsicomotricista.it

Insomma, pare non sia una scherzo. Il 14 dicembre si terrà in un albergo di Roma un corso residenziale di formazione professionale, che dà diritto a 15 crediti ECM (ECM: Educazione continua in medicina che, in teoria, dovrebbe essere una cosa seria, stabilita per legge e regolata da un’apposita Commissione nazionale per la formazione).

Se neppure voi credete ai vostri occhi, ecco il testo che ho trovato sul sito neuropsicomotricista.it:

Titolo del corso: LE POSSESSIONI, DISTURBO PSICHICO O DANNO SPIRITUALE? IL SOTTILE CONFINE FRA PSICOLOGIA E RELIGIONE

Data Inizio: 14 12 2012

Tipologia Formativa: Corso Residenziale

Sede dell’ Evento: GRAND HOTEL PALATINO, VIA CAVOUR 213/M, ROMA

Obiettivi: Acquisizione competenze tecnico-professionali: PSICOLOGIA E RELIGIONE A CONFRONTO

  • Acquisizione competenze di processo: COSA SI INTENDE PER POSSESSIONE
  • Acquisizione competenze di sistema: CONFRONTO E DIBATTITO FRA ESPERTI DEL SETTORE

Programma: La possessione diabolica o demoniaca è il fenomeno per cui, in determinate culture e religioni, si ritiene che un organismo o uno spirito estraneo (definito come diavolo o demone nella maggior parte dei casi) possano prendere possesso del corpo di una persona vivente, legarsi alla sua anima e torturarla mentre è ancora in vita. La persona in questione viene definita indiavolata o indemoniata. Il fenomeno della possessione affonda le sue radici nei testi sacri: nel Nuovo Testamento, ad esempio, vengono riportati degli episodi in cui Gesù Cristo affronta e libera alcuni indemoniati. In tempi recenti, la fede nella possessione si è (purtroppo) indebolita anche da parte degli stessi ambienti ecclesiastici, poiché è stato scoperto come molti presunti casi di “indemoniati” debbano in realtà essere messi in relazione con malattie mentali, come la schizofrenia ed alcune forme di psicosi, o con patologie quali la sindrome di Tourette. D’altra parte molte persone che richiedono aiuto agli esorcisti vengono da essi stessi riconosciute come bisognose non di cure spirituali ma psichiche. Nella religione cattolica si assume l’idea che una persona sia indemoniata quando: dimostra una forza fisica molto superiore alla sua normale capacità, parla lingue a lei sconosciute o che è impossibilitata a conoscere, dimostra avversione al sacro, passa dall’essere un osservante della religione all’astensione totale, prevede eventi non ancora accaduti, o conosce cose che non dovrebbe conoscere. Devono in ogni caso coesistere molti sintomi. Dunque , Il posseduto presenta principalmente tre manifestazioni: psicopatologica ,paranormale e anti-sacrale ed il maligno può impossessarsi di qualcuno attraverso tre vie principali: ferite emotive; peccato e attività occulte.
Quale tipi di disturbi psichici simulano la possessione demoniaca? Nei casi più gravi si è di fronte ad un elevato grado di schizofrenia, dove il delirio e le allucinazioni la fanno da padrone, e nella maggior parte dei casi sono associate ad esse stati epilettici.
Il delirio è contraddistinto da un contenuto non coerente con la realtà e pur privo di logica oggettiva, può avere comunque una sua logica interna: da parte della persona vi può essere un eccitamento maniacale abbinato a delle allucinazioni, così che esso vede, sente, cose inesistenti e si costruisce una sua realtà, che articola e spiega.
Nel “posseduto” si può rivelare un delirio di tipo persecutorio e mistico, che può portarlo ad avere un primo processo di dissociazione della personalità, che sfocia talvolta nei sintomi da possessione. Ci sono anche situazioni legate all’auto-suggestione: un soggetto che si auto-convince di essere in balia di forze mistiche/soprannaturali, di non poter opporre resistenza a questa situazione, e che comincia quindi a comportarsi nei modi e nei ruoli stabiliti dalla sua credenza, cultura e tradizione religiosa.
Dopo un accurata descrizione di cosa si intenda per “disturbo psichico” e per “disturbo spirituale” , verrà posta la riflessione che molti casi, ma non tutti, si fondino su basi psichiatriche e che la possessione sia un “evento” tanto crudo quanto reale.
Il convegno sarà uno spunto di riflessione per chi desidera confrontarsi, con uno spirito di discernimento personale e professionale, su varie tematiche.; Si approfondirà cosa succede a chi aderisce alle sette sataniche, come avviene la possessione diabolica, come si fa a non diventare una vittima, quando potrebbe trattarsi di “semplici” patologie mentali, quali siano le conseguenze psichiche che taluni atti comportamentali attivano insieme a testimonianze dirette di chi ha avuto simili esperienze.

Relatori:

  • Dott.ssa Laura Cantarella (Psicologa-Psicoterapeuta-Gruppoanalista)
  • Prof. Diego Manetti (Docente di Storia e Filosofia – Autore di numerose pubblicazioni tra cui “L’ora di Satana” con Padre Livio Fanzaga)
  • Prof. Alessandro Meluzzi (Psichiatra-Criminologo)
  • Don Stefano Tardani (Rettore Chiesa San Tommaso ai Cenci -ROMA Fondatore Movimento Amore Familiare)
  • Dott. Riccardo Tomassini (Medico Omeopata-Specialista in cardiologia Assistente durante le preghiere esorcistiche di Padre Amorth)
  • Testimonianza di vita di Francesco Vaiasuso (Autore del libro “La mia possessione. Come mi sono liberato da 27 legioni di demoni”)

CON LA PARTECIPAZIONE STRAORDINARIA DI: Padre Gabriele Amorth (qui sotto in un servizio trasmesso da Italia1).

Mi vengono i brividi all’idea di dovermi rivolgere a un professionista della sanità che espone orgoglioso sulle pareti del suo studio gli attestati di aver adempiuto all’obbligo di attività formative, e dover sospettare che una metà dei crediti dell’anno li abbia accumulati con un corso come questo. Per soli 120€, scontabili a 108 e comprensivi dei coffee break!

E, per cortesia, qualcuno mi rassicuri che non è stato speso un centesimo di danaro pubblico, né per finanziare i docenti e la LaborForm, né per finanziare i corsi di formazione ai discenti.

Una Risposta to “Non credere alle proprie orecchie: la possessione”

  1. Diemme Says:

    Non posso aiutarti… probabilmente chi eventualmente avesse acconsentito a finanziare questo tipo di corso col denaro pubblico sarebbe a sua volta posseduto. Caliamo un velo pietoso su da cosa o da chi.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: