Rainer Maria Rilke – Sonetti a Orfeo, II, 4

O dieses ist das Tier, das es nicht giebt.
Sie wußtens nicht und habens jeden Falls
– sein Wandeln, seine Haltung, seinen Hals,
bis in des stillen Blickes Licht – geliebt.

Zwar war es nicht. Doch weil sie’s liebten, ward
ein reines Tier. Sie ließen immer Raum.
Und in dem Raume, klar und ausgespart,
erhob es leicht sein Haupt und brauchte kaum

zu sein. Sie nährten es mit keinem Korn,
nur immer mit der Möglichkeit, es sei.
Und die gab solche Stärke an das Tier,

daß es aus sich ein Stirnhorn trieb. Ein Horn.
Zu einer Jungfrau kam es weiß herbei –
und war im Silber-Spiegel und in ihr.

La traduzione italiana di Franco Rella (pubblicata da Feltrinelli):

Oh! questo è l’animale che non c’è.
Non lo conobbero, eppure l’hanno amato
– L’andatura, il portamento, il collo,
fino alla quieta luce del suo sguardo.

Certo non era. Ma poiché l’amarono divenne
un animale puro. Sempre a lui fu dato spazio.
E nello spazio, chiaro e dispiegato,
levò leggero il capo, quasi neanche dovesse

essere: Non lo nutrirono con grano,
sempre solo della possibilità che fosse.
E questa diede tanta forza all’animale,

che quello da sé trasse un corno. Un corno.
Bianco davanti a una vergine passò,
e fu nell’argento dello specchio, fu in lei.

Per me, è una poesia sulla potenza dell’amore e del desiderio. L’unicorno del mito è un essere immaginario, che esiste soltanto per riempire di sé un desiderio. Non può essere conosciuto in senso proprio – non potrà mai essere incluso nella tassonomia degli animali esistenti. Ma l’amore lo crea, e ne determina forma e attributi: l’andatura, il portamento, la gola, la luce dello sguardo. Non ha bisogno di nutrimento materiale, ma di spazio. Uno spazio di possibilità, che deve essere rinnovato giorno per giorno. Soltanto in questo spazio che gli diamo si dispiega, in una forma più chiara e manifesta dell’esistenza stessa. Ma questo spazio dell’amore non è astratto, è reale e carnale. È nello spazio del desiderio che si generano il maschio e la femmina, l’uomo e la donna, il corno sulla candida fronte e lo specchio d’argento della vergine. E la loro congiunzione.

Rilke aveva in mente questo arazzo (al Museo di Cluny, a Parigi).

Pubblicato su Parole. 1 Comment »

Una Risposta to “Rainer Maria Rilke – Sonetti a Orfeo, II, 4”

  1. Daniela Ranieri – Tutto cospira a tacere di noi « Sbagliando s’impera Says:

    […] dal titolo e dalla 2ª Elegia duinese di Rainer Maria Rilke: Und alles ist einig, uns zu verschweigen, halb als Schande vielleicht und halb als unsägliche […]


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: