La morte re mariteto

Sempre a Napoli, sempre in quegli anni. Una villanella del Cinquecento cantata da Patrizio Trampetti (Nuova compagnia di canto popolare). Si riconoscono anche le voci di Giovanni Mauriello e di Fausta Vetere e i plettri di Eugenio Bennato.

A morte re marìteto aspett’io
e no per altro no,
ma mi dubbito ca primma me mor’io
deh quánto sî bella tu

deh ca la vurria truvare
ma nunn a pozzo asciare
accussì bella cumme a tte.

E tutto u juorno stongo addenucchiáto
e no per altro no,
e che Dio me levi a nánze stu scurore
deh quánto sî bella tu.

deh ca la vurria truvare
ma nunn a pozzo asciare
accussì bella cumme a tte.

Pubblicato su Musica. 2 Comments »

Serenesse

OK, dopo questa smetto.

Ti ho salutata un giorno di caldo
stringendomi al letto
girando le spalle al tuo ultimo sguardo.
Volevo strisciare, baciare i tuoi piedi
e chiedere a un altro di prendere il mio posto
per essere libero di venire con te
Serenesse, Serenesse, ritorna.
Il sole è di troppo
per un uomo solo che ti cerca
illuso
e si ritrova straniero
in cento strade diverse
con il desiderio di avere il tuo viso
il giovane corpo che gioca
con il mio sorriso
Serenesse, Serenesse, ritorna.
Odio le cose, le strade, la gente
che ti vedono vivere in questo momento
e contro il mio odio e la mia paura
io provo a tagliare un esile tronco
sul quale passare dall’altra sponda
dove sei tu ad amare
Serenesse, Serenesse, ritorna.

Vorrei incontrarti

E questa, più o meno della stessa epoca (1972).

Quando Alan Sorrenti faceva il Tim Buckley e non era ancora figlio delle stelle.

Vorrei incontrarti fuori i cancelli di una fabbrica,
vorrei incontrarti lungo le strade che portano in India,
vorrei incontrarti ma non so cosa farei:
forse di gioia io di colpo piangerei.

Vorrei trovarti mentre tu dormi in un mare d’erba
e poi portarti nella mia casa sulla scogliera,
mostrarti i ricordi di quello che io sono stato,
mostrarti la statua di quello che io sono adesso.

Vorrei conoscerti ma non so come chiamarti,
vorrei seguirti ma la gente ti sommerge:
io ti aspettavo quando di fuori pioveva,
e la mia stanza era piena di silenzio per te.

Vorrei incontrarti proprio sul punto di cadere,
tra mille volti il tuo riconoscerei,
canta la tua canzone, cantala per me:
forse un giorno io canterò per te.

Vorrei conoscerti ma non so come chiamarti,
vorrei seguirti ma la gente ti sommerge:
io ti aspettavo quando di fuori pioveva,
e la mia stanza era piena di silenzio per te.

Vorrei incontrarti fuori i cancelli di una fabbrica,
vorrei incontrarti lungo le strade che portano in India,
vorrei incontrarti ma non so cosa farei:
forse di gioia io di colpo piangerei.

Oltre ad Alan alla (miracolosa) voce e alla chitarra, c’erano Tony Esposito (percussioni e batteria), Vittorio Nazzaro (basso e chitarra classica solista), Albert Prince (tastiere) e la guest star Jean-Luc Ponty (violino).

Il grande magazzino

Qualcuno se la ricorda?