Umberto Eco – Il cimitero di Praga

Eco, Umberto (2010). Il cimitero di Praga. Milano: Bompiani. 2010.

il cimitero di Praga

bompiani.rcslibri.corriere.it

Ci sono libri, si usa dire, che ti cambiano per sempre, dopo che li hai letti. Ci sono anche libri che ti scorrono sopra senza lasciare traccia, come l’acqua sulla livrea di una foca o sul culo di un’anatra. Con il solo rimpianto che, forse, avresti potuto occupare meglio il tuo tempo. Il cimitero di Praga appartiene a questa seconda categoria.

Ho provato a cercare di capire perché il professor Eco, uomo celebre e benestante, abbia voluto scrivere un libro del genere. La sua fama accademica è assicurata e nota anche a chi non ha mai messo piede all’università né ha mai letto un saggio. Come romanziere, la fortuna gli è toccata fin dal suo debutto con Il nome della rosa, da cui è stato tratto anche un film di una certa fortuna presso pubblico e critica. Il messaggio del libro (il falso dei Protocolli dei Savi di Sion è stato probabilmente influente sull’antisemitismo del XX secolo) è noto e lo stesso Eco ne ha scritto in più occasioni, anche su L’Espresso. Anche il gioco post-moderno di comporre un romanzo come un mosaico o un collage di brani tratti da altri testi è un gioco ormai frusto, di cui lo stesso Eco ci ha dato altri esempi: senza scomodare Queneau e Perec e l’OuLiPo, c’è l’esempio nazionale, recente e meglio riuscito della Storia romantica di Antonio Scurati (da me recensita qui).

Pubblicato su Recensioni. 2 Comments »

2 Risposte to “Umberto Eco – Il cimitero di Praga”

  1. Morgaine Says:

    Da cuoca appassionata mi sembra che la parte in assoluto più debole di questo noiosissimo libro siano le ricette messe lì a riempire pagine. Davvero non aveva niente di meglio da fare?

  2. Shields – Reality Hunger « Sbagliando s’impera Says:

    […] fa, Una storia romantica di Antonio Scurati (e ci sono tornato su anche qui) e, più di recente, Il cimitero di Praga di Umberto Eco, entrambi scritti come pastiche di testi altrui più o meno rielaborati. Eppure, nei […]


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: