Roger Waters – The Wall – 28 luglio 2013

Non ho moltissimo da scrivere su un concerto di pochi giorni fa di cui hanno parlato in molti.

Quello che ho da dire io – che mi sono imbattuto la prima volta nei Pink Floyd con See Emily Play nel 1967 e che ho comprato tutti i loro dischi, compresi un po’ di bootleg e di oscure stranezze) fino a The Final Cut (e per la verità anche A Momentary Lapse of ReasonThe Division Bell) – sono soltanto due cose, una sulla musica e una sullo spettacolo.

* * *

Sulla musica: The Wall è diventato l’autocelebrazione di sé stesso. Tutti i metronomi sono rallentati, affinché il messaggio sia chiaro: non stiamo partecipando a un concerto rock, ma stiamo assistendo alla commemorazione di un concept album di quasi 35 anni fa. Per capirsi, non siamo all’ultima cena, quella vera di Gerusalemme alla vigilia della crocifissione e della resurrezione, ma a una fastosa messa cantata in San Pietro. Ci passa la stessa distanza.

Non sembra neppure un evento live, tanto l’esecuzione è laccata e leccata, aiutata da basi registrate. Roger Waters di voce ne ha sempre avuta pochina e nelle occasioni “recenti” come nella famosa reunion del concerto live8 del 2005 (ascoltare per credere) eravamo all’ispirato rantolo alla Paolo VI. E invece l’altra sera era forte e senza incertezze: miracoli delle nuove tecnologie o della cara vecchia erba canterina?

Pink Floyd Reunion – Live 8 2005 – Full Length… di fort55

wikimedia.org/wikipedia/commons

* * *

Sullo spettacolo: assolutamente fantastico, sia dal punto di vista della realizzazione tecnica (decine di proiettori) sia sotto il profilo della visionarietà della messa in scena. Quasi impossibile da descrivere a parole. Per fortuna, finché l’occhiuta polizia del copyright non lo blocca (perché anche Roger Waters predica bene e razzola male) potete farvene un’idea guardando questa registrazione del concerto del 7 febbraio 2012 alla Rod Laver Arena (ve lo ricordate il tennista?) di Melbourne. Manca la sequenza del processo, però.

Ecco la scaletta del concerto romano:

  1. Outside the Wall
  2. In the Flesh?
  3. The Thin Ice
  4. Another Brick in the Wall Part 1
  5. The Happiest Days of Our Lives
  6. Another Brick in the Wall Part 2
  7. The Ballad of Jean Charles de Menezes
  8. (“Another Brick in the Wall Part 2” reprise)
  9. Mother
  10. Goodbye Blue Sky
  11. Empty Spaces
  12. What Shall We Do Now?
  13. Young Lust
  14. One of My Turns
  15. Don’t Leave Me Now
  16. Another Brick in the Wall Part 3
  17. The Last Few Bricks
  18. Goodbye Cruel World
  19. [Intermission]
  20. Hey You
  21. Is There Anybody Out There?
  22. Nobody Home (Roger forgot to switch his mic on)
  23. Vera
  24. Bring the Boys Back Home
  25. Comfortably Numb
  26. The Show Must Go On
  27. In the Flesh
  28. Run Like Hell
  29. Waiting for the Worms
  30. Stop
  31. The Trial
  32. Outside the Wall (Algie was broken in pieces by the audience)

* * *

Ancora 2 cose (lo so che avevo scritto che avevo soltanto 2 commenti e che in questo modo sono diventati 4).

Nella prima parte, dopo Another Brick in the Wall Part 2, Roger Waters è venuto sul fronte del palco e dopo il rituale saluto a Roma, un po’ in rudimentale italiano e un po’ in broken English, ha dedicato il concerto a Jean Charles de Menezes. Tutti abbiamo applaudito come se sapessimo benissimo di chi stessimo discorrendo. Ma io non lo sapevo o non lo ricordavo (e così, immagino, la maggioranza dei presenti) e dunque sono andato a documentarmi su Wikipedia.

Jean Charles de Menezes, brasiliano, 27 anni, fu ucciso a freddo dalla polizia metropolitana di Londra il 22 luglio 2005 perché sospettato di essere membro della cellula che aveva organizzato gli attentati di matrice islamica del 7 luglio 2005 (52 morti). Menezes non c’entrava niente ed era disarmato. Fu seguito da agenti in borghese da casa sua fino alla stazione della metropolitana di Stockwell. Quando salì sul treno, una parte dei poliziotti in borghese sgomberò il vagone, mentre numerosi altri gettarono Menezes a terra e, immobilizzatolo, gli piantarono 7 pallottole in testa, a bruciapelo.

wikimedia.org/wikipedia/commons

* * *

Ultima osservazione.

Non sono un frequentatore abituale dello Stadio Olimpico. Anzi, a dire la verità, era la seconda volta in vita mia che ci mettevo piede e l’altra volta ero entrato (sempre per un concerto) dal lato di Monte Mario.

Sono rimasto molto colpito dalla mancata “defascistizzazione” dell’ex Foro Mussolini, ora Foro Italico. Capisco la conservazione delle strutture, esempio (anche se non tutto dei migliori) dell’architettura razionalistica dell’epoca. Capisco anche la conservazione dell’obelisco, nonostante vi campeggi la monumentale scritta “MUSSOLINI DVX”. Non capisco la conservazione dei mosaici a imitazione di quelli di Ostia Antica e le centinaia di scritte inneggianti al puzzone.

Che la scelta non sia stata neutrale lo illustrano siti come questo.

Ho visitato lo stadio di Norimberga (quello del Trionfo della volontà di Leni Riefenstahl) e non mi risulta che, al contrario di quanto abbiamo fatto noi, siano state conservate le icone più odiose del regime nazista.

2 Risposte to “Roger Waters – The Wall – 28 luglio 2013”

  1. Peter Gabriel – Back to Front – 7 ottobre 2013 | Sbagliando s'impera Says:

    […] che il concerto iniziasse. Adesso la puntualità regna sovrana (l’avevo già notato con The Wall di Roger Waters) e PG introduce lo spettacolo con il suo italiano un po’ traballante (ha una casa in […]

  2. Keith Jarrett – Roma, 11 luglio 2014 (e 5 novembre 1993) | Sbagliando s'impera Says:

    […] concerto non inizia puntuale, contraddicendo una recente tendenza seguita, ad esempio, da Roger Waters, Peter Gabriel e Caetano Veloso, Alle 21:15, prima dei consueti annunci dell’Auditorium (che […]


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: