15 febbraio – Galileo Galilei

Nasce a Pisa il 15 febbraio 1564. Galileo Galilei è molto importante, per la storia del pensiero scientifico, per la divulgazione scientifica e per il rapporto tra scienza e religione.

Ognuno di questi punti meriterebbe di essere discusso a lungo, ma mi limiterò ad alcuni spunti sui primi due, per soffermarmi di più sul terzo, tornato in qualche modo d’attualità nei mesi scorsi.

Il metodo galileiano: secondo Galileo il libro della natura è scritto secondo leggi matematiche e per poterle capire è necessario eseguire esperimenti con gli oggetti che la natura ci mette a disposizione. Galileo introduce quindi una distinzione tra l’aspetto teorico e quello sperimentale, in cui né uno né l’altro sono preponderanti: il modello teorico spiega un’osservazione sperimentale e anticipa future osservazioni.

La filosofia è scritta in questo grandissimo libro che continuamente ci sta aperto innanzi a gli occhi (io dico l’universo), ma non si può intendere se prima non s’impara a intender la lingua, e conoscer i caratteri, ne’ quali è scritto. Egli è scritto in lingua matematica, e i caratteri son triangoli, cerchi, ed altre figure geometriche, senza i quali mezi è impossibile a intenderne umanamente parola; senza questi è un aggirarsi vanamente per un oscuro laberinto. (Il saggiatore)

La divulgazione. A partire da Il saggiatore (1623), Galileo scrive in italiano, e non in latino (la lingua dei dotti). Questa scelta è essenziale per comprendere lo scontro con le autorità ecclesiastiche: queste erano disposte ad ammettere la discussione delle teorie copernicane (condannate dal Sant’Uffizio nel 1616) purché esse fossero presentate come ipotesi scientifiche e non come realtà e purché il dibattito fosse condotto in ambito accademico (e dunque in latino). Nel Dialogo sopra i due massimi sistemi del mondo, oltre al volgare Galileo sceglie la forma dialogica: nulla è più lontano dal principio di auctoritas che una forma dialettica, in cui due personaggi presentano le due teorie (Salviati è il portavoce delle idee copernicane di Galileo e Simplicio quello della dottrina tradizionale e dogmatica) e il terzo, Sagredo, rappresenta invece il discreto lettore, l’intendente di scienza, colui a cui è destinata l’opera, che interviene nelle discussioni chiedendo delucidazioni, contribuendo con argomenti più colloquiali, comportandosi come un medio conoscitore di scienza. In questo modo, il lettore è messo al posto di comando, ha  il compito (e la responsabilità) di essere il giudice ultimo dei meriti delle due teorie.

Il rapporto tra scienza e religione. La recente polemica sulla (mancata) lectio magistralis del papa alla Sapienza, di cui ha parlato anche questo blog in più occasioni (il 14 novembre 2007, il 17 e il 19 gennaio 2008), ha avuto il merito di porre nuovamente il problema all’ordine del giorno. Forse a questo punto vale la pena, perché mi sembra che conservino intatti una grande evidenza, riportare i termini della sentenza di condanna di Galileo Galilei del 22 giugno 1633 (qui il testo integrale):

Essendo che tu, Galileo fig.lo del q.m. Vinc.o Galilei, Fiorentino, dell’età tua d’anni 70, fosti denunziato del 1615 in questo S.o Off.o, che tenevi come vera la falsa dottrina, da alcuni insegnata, ch’il Sole sia centro del mondo e imobile, e che la Terra si muova anco di moto diurno; ch’avevi discepoli, a’ quali insegnavi la medesima dottrina; che circa l’istessa tenevi corrispondenza con alcuni mattematici di Germania; che tu avevi dato alle stampe alcune lettere intitolate Delle macchie solari, nelle quali spiegavi l’istessa dottrina come vera; che all’obbiezioni che alle volte ti venivano fatte, tolte dalla Sacra Scrittura, rispondevi glosando detta Scrittura conforme al tuo senso; e successivamente fu presentata copia d’una scrittura, sotto forma di lettera, quale si diceva esser stata scritta da te ad un tale già tuo discepolo, e in essa, seguendo la posizione del Copernico, si contengono varie proposizioni contro il vero senso e autorità della sacra Scrittura;

Volendo per ciò questo S.cro Tribunale provedere al disordine e al danno che di qui proveniva e andava crescendosi con pregiudizio della S.ta Fede, d’ordine di N. S.re e del’Eminen.mi e Rev.mi SS.ri Card.i di questa Suprema e Universale Inq.ne, furono dalli Qualificatori Teologi qualificate le due proposizioni della stabilità del Sole e del moto della Terra, cioè:

Che il Sole sia centro del mondo e imobile di moto locale, è proposizione assurda e falsa in filosofia, e formalmente eretica, per essere espressamente contraria alla Sacra Scrittura;

Che la Terra non sia centro del mondo né imobile, ma che si muova eziandio di moto diurno, è parimente proposizione assurda e falsa nella filosofia, e considerata in teologia ad minus erronea in Fide.

[…]

E essendo ultimamente comparso qua un libro, stampato in Fiorenza l’anno prossimo passato, la cui inscrizione mostrava che tu ne fosse l’autore, dicendo il titolo Dialogo di Galileo Galilei delli due Massimi Sistemi del mondo, Tolemaico e Copernicano; ed informata appresso la Sacra Congre.ne che con l’impressione di detto libro ogni giorno più prendeva piede e si disseminava la falsa opinione del moto della terra e stabilità del Sole; fu il detto libro diligentemente considerato, e in esso trovata espressamente la transgressione del predetto precetto che ti fu fatto, avendo tu nel medesimo libro difesa la detta opinione già dannata e in faccia tua per tale dichiarata, avvenga che tu in detto libro con varii ragiri ti studii di persuadere che tu lasci come indecisa e espressamente probabile, il che pur è errore gravissimo, non potendo in niun modo esser probabile un’opinione dichiarata e difinita per contraria alla Scrittura divina.

[…]

Pertanto, visti e maturamente considerati i meriti di questa tua causa, con le sodette tue confessioni e scuse e quanto di ragione si doveva vedere e considerare, siamo venuti contro di te alla infrascritta diffinitiva sentenza.

Invocato dunque il S.mo nome di N. S.re Gesù Cristo e della sua gloriosissima Madre sempre Vergine Maria; per questa nostra diffinitiva sentenza, qual sedendo pro tribunali, di consiglio e parere de’ RR Maestri di Sacra Teologia e Dottori dell’una e dell’altra legge, nostri consultori, proferimo in questi scritti nella causa e nelle cause vertenti avanti di noi tra il M.co Carlo Sinceri, dell’una e dell’altra legge Dottore, Procuratore fiscale di questo S.o Off.o, per una parte, a te Galileo Galilei antedetto, reo qua presente, inquisito, processato e confesso come sopra, dall’altra;

Diciamo, pronunziamo sentenziamo e dichiaramo che tu, Galileo sudetto, per le cose dedotte in processo e da te confessate come sopra, ti sei reso a questo S.o Off.o veementemente sospetto d’eresia, cioè d’aver tenuto e creduto dottrina falsa e contraria alle Sacre e divine Scritture, ch’il sole sia centro della terra e che non si muova da oriente ad occidente, e che la terra si muova e non sia centro del mondo, e che si possa tener e difendere per probabile un’opinione dopo esser stata dichiarata e diffinita per contraria alla Sacra Scrittura; e conseguentemente sei incorso in tutte le censure e pene dai sacri canoni e altre constituzioni generali e particolari contro simili delinquenti imposte e promulgate. Dalle quali siamo contenti sii assoluto, pur che prima, con cuor sincero e fede non finta, avanti di noi abiuri, maledichi e detesti li sudetti errori e eresie, e qualunque altro errore e eresia contraria alla Cattolica e Apostolica Chiesa, nel modo e forma da noi ti sarà data.

E acciocché questo tuo grave e pernicioso errore e transgressione non resti del tutto impunito, e sii più cauto nell’avvenire e essempio all’altri che si astenghino da simili delitti. Ordiniamo che per publico editto sia proibito il libro de’ Dialoghi di Galileo Galilei.

Ti condaniamo al carcere formale in questo S.o Off.o ad arbitrio nostro; e per penitenze salutari t’imponiamo che per tre anni a venire dichi una volta la settimana li sette Salmi penitenziali: riservando a noi facoltà di moderare, mutare o levar in tutto o parte, le sodette pene e penitenze.

E così diciamo, pronunziamo, sentenziamo, dichiariamo, ordiniamo e reservamo in questo e in ogni altro meglior modo e forma che di ragione potemo e dovemo.

Galileo fu costretto all’abiura:

Io Galileo […] sono stato giudicato veementemente sospetto d’eresia, cioè d’aver tenuto e creduto che il sole sia centro del mondo e imobile e che la terra non sia centro e che si muova;

Pertanto volendo io levar dalla mente delle Eminenze V.re e d’ogni fedel Cristiano questa veemente sospizione, giustamente di me conceputa, con cuor sincero e fede non finta abiuro, maledico e detesto li sudetti errori e eresie, e generalmente ogni e qualunque altro errore, e eresia e setta contraria alla S.ta Chiesa; e giuro che per l’avvenire non dirò mai più né asserirò, in voce o in scritto, cose tali per le quali si possa aver di me simile sospizione; ma se conoscerò alcun eretico o che sia sospetto d’eresia lo denonzierò a questo S. Offizio, o vero all’Inquisitore o Ordinario del luogo, dove mi trovarò.

[…]

Io Galileo Galilei sodetto ho abiurato, giurato, promesso e mi sono obligato come sopra; e in fede del vero, di mia propria mano ho sottoscritta la presente cedola di mia abiurazione e recitatala di parola in parola, in Roma, nel convento della Minerva, questo dì 22 giugno 1633.

Io, Galileo Galilei ho abiurato come di sopra, mano propria.

Castelli di sabbia

Dal Corriere della sera del 12 febbraio 2008.

Brevi FISICA

Scoperto il segreto dei castelli di sabbia

ROMA – Sabbia e acqua per i castelli di sabbia? Troppo semplice da spiegare ai bambini. E così lo scienziato Mario Scheel del Max Planck Institute for Dynamics and Self Organization di Goettingen, insieme con il suo team di ricercatori ha studiato in quale modo il liquido si espande tra i granelli di sabbia. La ricerca è stata pubblicata ieri su Nature Materials. Scheel è arrivato alla conclusione che i granelli di sabbia restano uniti tra loro attraverso bizzarri ponti liquidi a forma di doppia trombetta. Per raggiungere questo risultato lo studioso ha costruito un’ immagine tridimensionale di un mucchio di sabbia. Inoltre, ha scoperto che soltanto quando si è formato un numero sufficiente di questi «ponti», la poltiglia di acqua e sabbia diventa stabile e in grado di mantenere la sua forma.

Pagina 31
(12 febbraio 2008) – Corriere della Sera

Vagabondo

Risentita venerdì sera in un bar, si è scavata una trincea nella mia mente e da allora mi perseguita. Dopo tanti anni, ho notato la finezza dell’arrangiamento.

Le parole testimoniano l’atmosfera di quegli anni, quando le aspirazioni hippie si fecero strada nel sentire nazional-popolare.

Quando la gente dorme
scendo giù
maglione sulle spalle nella notte blu

nel cuore una chitarra
nella mente cose strane
e sul mio volto un po’ d’ingenuità

vagabondo vagabondo
qualche santo mi guiderà
ho venduto le mie scarpe
per un miglio di libertà
da soli non si vive
senza amore non morirò
vagabondo sto sognando delirando

le gambe van da sole
ah ah ah
la strada sembra un fiume
chissà dove andrà
neppure tu ragazza
sai fermare la mia corsa
negli occhi tuoi non c’è’ sincerità

vagabondo vagabondo
qualche santo mi guiderà
ho venduto le mie scarpe
per un miglio di libertà
da soli non si vive
senza amore non morirò
vagabondo sto sognando delirando

vagabondo vagabondo
qualche santo mi guiderà
ho venduto le mie scarpe
per un miglio di libertà
da soli non si vive
senza amore non morirò
vagabondo sto sognando delirando

Nicola di Bari (che era di Zapponeta in provincia di Foggia e si chiamava Michele – come è più appropriato per un foggiano) ebbe un clamoroso successo in Italia (vinse due Festival di Sanremo di fila) e in Spagna. È ancora attivo e qui lo vediamo cantare in spagnolo a Wahington nel 2006, se possibile ancora più brutto e ora anche calvo.

Pubblicato su Musica. 3 Comments »

Raymond Carver – Will You Please Be Quiet, Please?

Carver, Raymond (1976). Will You Please Be Quiet, Please? London: Vintage. 2003.

Ho un problema con i racconti. Preferisco i romanzi. Mi piace veder crescere i personaggi, a tutto tondo. Non tutti i romanzi ci riescono. Ma i racconti quasi mai, strutturalmente.

Per di più, io sono un lettore, almeno in parte, frammentario. Uno dei miei tempi di lettura è il viaggio in metropolitana. Con i racconti è un problema, se la durata del viaggio consente di leggerne più d’uno. Vuol dire che non c’è l’agio di finire un racconto, chiudere il libro, e guardare nel vuoto per un po’, pensandoci su. Sembra una sciocchezza, ma è un problema serio.

Carver scrive letteralmente come un dio, lo riconosco. Ma non mi basta. I racconti, poi, appartengono (sono rozzo, lo so, ma volutamente) a due grandi categorie: quelli in cui succede qualcosa, nelle ultime righe, e quelli in cui non succede niente. Quelli di Carver appartengono alla seconda categoria (con una sola eccezione, in questa raccolta).

Poiché Carver è così statico, non dovrebbe sorprendere che ci trovi risonanze visive e non letterarie. Edward Hopper, ad esempio.

O Grant Wood, di cui ricorre oggi il 116° anniversario della nascita.
Pubblicato su Recensioni. 2 Comments »

Gianrico Carofiglio – I casi dell’avvocato Guerrieri

Carofiglio, Gianrico (2002), Testimone inconsapevole. Palermo: Sellerio. 2006.

Carofiglio, Gianrico (2003), Ad occhi chiusi. Palermo: Sellerio. 2006.

Carofiglio, Gianrico (2006), Ragionevoli dubbi. Palermo: Sellerio. 2006.

Li ho letti uno dopo l’altro, e questo non ha giovato. Soprattutto non ha giovato che avessi letto il pur bellissimo L’arte del dubbio. Il problema è che così i meccanismi narrativi per me erano assolutamente trasparenti (al di là del fatto che alcuni episodi riportati come esempi ne L’arte del dubbio sono utilizzati nei romanzi) e mi hanno privato in parte del fattore sorpresa. Il bello dei casi dell’avvocato Guerrieri, infatti, la novità, sono i contro-interrogatori, e la scoperta della loro valenza dialettica e drammatica.
Che cosa resta, tolto questo? L’avvocato Guerrieri stesso, simpatico e tormentato quanto basta. Un personaggio del nostro tempo, in cui non è difficile riconoscersi. Sotto questo profilo, meglio il primo romanzo (con la fine del matrimonio e l’innamoramento per Margherita) e il terzo (l’attrazione impossibile per la giapponese). Certo, anche qui qualche manierismo affiora: ma è anche effetto della lettura consecutiva.
Pubblicato su Recensioni. 2 Comments »

13 febbraio 1883 – La lugubre gondola

Muore a Venezia Richard Wagner, uno dei più grandi e rivoluzionari compositori di tutti i tempi.

Liszt, suo intimo amico, scrisse questi pezzi (Lugubre Gondola I e II), che evocano il passaggio del feretro nei canali. L’esecuzione più bella (e più famosa) è quella di Maurizio Pollini. Su YouTube ho trovato quella di Alvaro Ordoñez, un pianista colombiano.

Pubblicato su Musica. 1 Comment »

Match Point

Match Point, 2005, di Woody Allen, con Scarlett Johansson e Jonathan Rhys Meyers.

Ho visto il film in versione originale con i sottotitoli in italiano per non udenti. Questa circostanza mi aiuta molto a riassumere la trama. Chris Wilton (Jonathan Rhys Meyers) quando è con Chloe (la moglie) sospira, ma quando è con Nola (Scarlett Johansson) ansima. Quando è solo inspira ed espira. Ma poi, via via che si avvicina il finale, sospira anche da solo.
Il film è molto bello, anche formalmente. Una bellissima Londra, piena di begli ambienti e di opere d’arte (l’opera d’arte più bella, però – lo so che è una battuta corriva – è il culo della Johansson).
Il mio personale problema è che fatico – non soltanto nei film, ma anche nei romanzi – a comprendere gli arrampicatori sociali. Non dico a immedesimarmi in loro, ma anche soltanto a capirne le motivazioni, le molle interiori, la logica. Temo, in questo, di essere portatore (ahimè immotivatamente) dell’ideologia della classe dominante.
Non è un morality play tradizionale: il delitto è senza castigo (anche se all’inizio Chris legge svogliatamente Dostoevskij). Non c’è qui il moralismo di Hitchcock. Ma una morale c’è: i due parvenu ansiosi di conquistare la società dell’old money londinese sono entrambi sconfitti, lei perché scivola sull’inesorabile destino che attende le donne belle che ce la vogliono fare da sole, lui perché sopravvive soltanto al costo della totale assimilazione. D’altro canto, l’attrazione tra i due outsider, in fondo così simili, era inevitabile; ma altrettanto certo è che quella liaison era l’opzione sicuramente perdente. Quello che per i due è una tragedia, per l’establishment è una perturbazione passeggera, un’increspatura della superficie. L’establishment vince anche stavolta, senza nemmeno scomodare Scotland Yard.
Pubblicato su Recensioni. 1 Comment »

Zeugma

Zèugma: figura retorica consistente nel far dipendere da un unico verbo più parole o costrutti, creando un’incongruenza semantica (per es. il verso dantesco: parlare e lacrimar vedrai insieme) (De Mauro online).

Una figura retorica affine è la sillèssi: figura retorica che consiste nell’attribuire contemporaneamente al medesimo termine un senso proprio e uno figurato (per es.: una casa piena di cose e di ricordi). Oppure (esempio mio): persi l’ombrello e la ragione.

Sillessi ha anche un secondo significato: figura sintattica che consiste nel far concordare due o più elementi di una frase secondo un senso logico e non grammaticale (per es.: ci sono un sacco di macchine per la strada).

Pubblicato su Parole. 1 Comment »

Inno alla gioia

Ci sono cose sentite troppe volte, e troppo distrattamente, finché se ne perde la meraviglia.

Una di queste è l’inno alla gioia che chiude la Nona di Beethoven.

L’ode di Schiller merita di essere meditata nelle sue belle (e inattuali) parole:

O Freunde, nicht diese Töne!
Sondern laßt uns angenehmere
anstimmen und freudenvollere.
Freude!
Freude, schöner Götterfunken
Tochter aus Elysium,
Wir betreten feuertrunken,
Himmlische, dein Heiligtum!
Deine Zauber binden wieder
Was die Mode streng geteilt;
Alle Menschen werden Brüder,
(originale di Schiller :
Was der Mode Schwert geteilt;
Bettler werden Fürstenbrüder,)
Wo dein sanfter Flügel weilt.
Wem der große Wurf gelungen,
Eines Freundes Freund zu sein;
Wer ein holdes Weib errungen,
Mische seinen Jubel ein!
Ja, wer auch nur eine Seele
Sein nennt auf dem Erdenrund!
Und wer’s nie gekonnt, der stehle
Weinend sich aus diesem Bund!
Freude trinken alle Wesen
An den Brüsten der Natur;
Alle Guten, alle Bösen
Folgen ihrer Rosenspur.
Küsse gab sie uns und Reben,
Einen Freund, geprüft im Tod;
Wollust ward dem Wurm gegeben,
und der Cherub steht vor Gott.
Froh, wie seine Sonnen fliegen
Durch des Himmels prächt’gen Plan,
Laufet, Brüder, eure Bahn,
Freudig, wie ein Held zum Siegen.
Seid umschlungen, Millionen!
Diesen Kuß der ganzen Welt!
Brüder, über’m Sternenzelt
Muß ein lieber Vater wohnen.
Ihr stürzt nieder, Millionen?
Ahnest du den Schöpfer, Welt?
Such’ ihn über’m Sternenzelt!
Über Sternen muß er wohnen.
La sezione finale ripete:
Freude, schöner Götterfunken
Tochter aus Elysium/
Seid umschlungen, Millionen!
Diesen Kuß der ganzen Welt!

 La traduzione (bruttina) di Wikipedia:

Amici, non questi toni!
Un canto più grato leviamo al cielo
di gioia!
Gioia!
Bella scintilla degli dèi
Figlia dell’Eliso,
Noi veniamo, ardenti in viso
nel tuo tempio glorioso.
Il tuo fascino affraterna
ciò che la moda separò;
Tutti gli uomini diventano fratelli
(originale di Schiller :
ciò che la spada della moda separò;
I mendicanti saranno fratelli dei prìncipi)
Là dove le tue dolci ali riposano.
Che colui che ha la fortuna
d’essere l’amico d’un amico;
che colui che ha conquistato una dolce donzella,
divida la sua allegria!
Sì, e anche colui che non ha che un’anima
Sulla terra!
E che colui che non ha mai conosciuto tutto ciò s’allontani
piangendo dalla nostra cerchia!
Tutti gli esseri bevano la gioia
in seno alla natura,
Tutti i buoni, tutti i malvagi,
Seguano le sue tracce di rosa.
Essa ci dà abbracci e vigna,
L’amico, fedele nella morte,
La voluttà è donata al verme,
E il cherubino è davanti a Dio.
Felici, tali soli volano
Sul piano vermiglio dei cieli,
Correte, fratelli, sulla vostra via,
Felici, come un eroe verso la vittoria.
Che si avvingano tutti gli esseri!
Un bacio al mondo intero!
Fratelli, nel più alto dei cieli
un Padre amoroso deve abitare.
Tutti gli esseri si prostrano?
Senti il creatore, Mondo?
Cercalo al di là dei cieli stellati!
Al di sopra delle stelle deve abitare.
La sezione finale ripete:
Gioia! Bella scintilla degli dèi
Figlia dell’Eliso,
Siate uniti, esseri, a milioni!
Che un solo abbraccio allaccia l’universo!

 Il 25 dicembre 1989, pochi mesi dopo la caduta del muro di Berlino, Leonard Bernstein ne diresse una memorabile versione, con orchestra coro e solisti delle due Germanie riunite. Il concerto fu trasmesso dal vivo in più di venti paesi con un pubblicodi 100 milioni di persone. Per l’occasione, Bernstein modificò il testo, sostituendo la parola “Libertà” (Freiheit) alla parola “Gioia” (Freude). A tal proposito affermò: “Sono sicuro che Beethoven ci avrebbe dato la sua benedizione”. Ne sono convinto anch’io.

Pubblicato su Musica. Leave a Comment »

Ma dove passa il confine? (metadati 6)

Ne hanno parlato un po’ tutti i giornali. Io riprendo la notizia da tiscali. spettacoli:

“Non è tempo di grande equilibro nelle scuole di samba” commentava il giornale brasiliano O Globo all’indomani del grande carnevale di Rio De Janeiro dove, tra numeri sempre più elaborati di ballo e costumi incredibili, una procace moretta è riuscita a calamitare l’attenzione generale. Lei si chiama Viviane Castro, 25 anni, alta 1 metro e 68 per 60 chili di curve ben distribuite. Viviane ha deciso di mettersi in mostra a Rio contravvenendo all’unica regola ancora valida nel carnevale più pazzo del mondo: non sfilare completamente nudi.

Neanche quattro centimetri di tessuto – Coperta di piume, paillettes e con un copricapo da dea circense, Viviane Castro è finita immortalata da teleoperatori e reporter, le sue immagini hanno fatto il giro del mondo in un baleno. Completamente nuda, sfilava e ballava sorridente in barba al pudore e alle regole. A chi le ha fatto notare scandalizzato che il suo nudo era integrale, la modella brasiliana ha ribattuto divertita: “Non è vero che ero completamente nuda. Indossavo una copertura strategica di 3,5 centimetri”. Esatto, era applicata proprio dove sta pensando chi legge.

Nessun problema a mostrarsi – In Brasile la Castro non è certo nuova al nudo. Esistono numerose gallerie fotografiche che la ritraggono come mamma l’ha fatta e, forse, come la genitrice non avrebbe voluto che lei si facesse fotografare. Zero vergogna, un ottimo rapporto con il proprio corpo è una gran voglia di esibizionismo. Adesso tutto il mondo lo sa.

Che c’entra con i metadati? C’entra perché questo episodio curioso ci permette di riprendere la riflessione che stavamo facendo sulle classificazioni:

La classificazione non è per mettere ordine all’universo, è per mettere ordine alle nostre idee. […] Ciò che rende imbarazzante oggi la classificazione di Wilkins e il sistema decimale Dewey è che la nostra cultura, le nostre conoscenze e le nostre sensibilità oggi organizzano il sapere diversamente. Classificare non è uno sforzo inane, ma un’attività continua, dai risultati necessariamente provvisori.

La notiziola di Rio ci spinge a fare un’altra riflessione e a porci un’altra domanda. In questo caso, lo scopo della classificazione è abbastanza chiaro: una regola (probabilmente di tipo consuetudinario, ma questo non è importante) stabilisce che al carnevale di Rio non si può sfilare completamente nudi.

Facciamo un esperimento (un esperimento del pensiero, un Gedankenexperiment, come piaceva a Einstein). Riguardate la foto sopra. Secondo voi, è una donna nuda? Completamente nuda? Adesso pensate di essere un giudice di Rio, che deve giudicare le scuole di ballo ed eventualmente squalificare chi sfila completamente nudo. È  nuda? completamente nuda? Fa differenza sapere se ha un cache-sexe o no?

Per stabilire se la regola è rispettata o violata è necessario disporre di un criterio di decisione: quando la nudità è completa? La regola ci deve permettere di discriminare le persone vestite (anche soltanto parzialmente) da quelle nude. Nella maggior parte dei casi la scelta è agevole, ma poi abbiamo delle situazioni di frontiera. In prossimità della soglia, la regola di decisione diventa sempre più ambigua e più difficile da applicare.

Quando la regola è di facile applicazione, ci è utile perché ci risparmia la fatica di pensare caso per caso (a questo servono le regole!). Ma al confine la difficoltà di applicazione ci obbliga a porci delle domande che trascendono la regola: qual è lo scopo della norma? nascondere alla vista i genitali? (Perché se non fosse così basterebbe il copricapo della Castro, o che il pezzetto di stoffa fosse applicato su un gomito, o un cache-sexe trasparente).

Al confine, decidere significa davvero tagliare via: o di qua o di là. E dunque, al confine, ogni soglia diventa arbitraria, nel senso che chi deve scegliere esercita il suo arbitrio.

Anche per questo, come dicevamo qualche tempo fa, classificare è un’attività continua, dai risultati necessariamente provvisori.