Contumace

Si dice “di imputato di un processo penale o di parte di un processo civile che si trovino in situazione di contumacia” (contumacia è, nel diritto processuale penale, la situazione di un imputato che, citato in giudizio, si astiene dal comparire al dibattimento e, nel diritto processuale civile, la mancata costituzione di una parte in giudizio); ma anche “di chi è riluttante a sottomettersi; indocile, disobbediente, ribelle” e, per estensione, di sentimento “che persiste a lungo, tenace, ostinato” (De Mauro online).

Il latino còntumax sarebbe un composto di cum (con) e temnĕre (disprezzare), come contumelia (offesa) oppure, secondo altri, tumēre (essere gonfio) come in “tumido”. Quest’ultima etimologia, se fosse quella corretta, darebbe luogo a un’interessante considerazione sul “persistere a lungo” in senso fisico e figurato.

Pubblicato su Parole. Leave a Comment »

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: