Giò Ponti

Mi picco di essere un cultore dell’architettura moderna, anche se il mio interesse è stato tardivo. Proprio per questo la scoperta di pochi giorni fa mi brucia.

Sono passato davanti a questa casa – Milano, zona Fiera, via Domenichino 1 – pressoché quotidianamente per 6 anni, sulla strada per andare a scuola. Poi sono andato ad abitare praticamente di fronte, per altri 7 anni e mezzo. Al piano terreno abitava un mio amico. Di più, ci abitava la sorella del mio amico, la bellissima Bea.

Eppure non ho mai saputo che quella bella casa – perché gli occhi per vedere che era una signora casa, oltre che una casa signorile, ce li avevo eccome – è opera di Giò Ponti.

Questa è la scheda che ho trovato qui:

Il progetto di questo edificio, redatto da Gio Ponti ed Emilio Lancia, è caratterizzato da una pianta a L e da una torre d’angolo.
La struttura è in cemento armato e laterizi con fondazione a palafitte e solai in cemento armato con elementi in cotto. Per il rivestimento delle facciate è stato utilizzato l’intonaco rosso Terranova, ad eccezione del piano terreno e il primo piano per i quali sono state usate lastre di travertino. La decorazione è piuttosto limitata e l’architettura è stata risolta con uno straordinario rapporto tra massa materiali e colore. Ponti tenta in questo progetto di adattare gli elementi della tradizione ad un nuovo impianto, rappresentato da una nuova formula abitativa: il condominio. Gli elementi classici sono dunque intesi come fatto esclusivamente figurativo ed il loro uso è funzionale alle esigenze d’identificazione dell’utenza borghese.

L’elemento più fantasioso della struttura – quello che si allontana con un guizzo quasi gaddiano dalla rassicurante solidità borghese – è la torretta dell’ultimo piano. Raccontano le leggende (ma non so se è vero) che l’ultimo piano, torretta compresa, fosse l’abitazione di Giovanni Grazzini (1925-2001), critico cinematografico de Il corriere della sera.

Qualche altra foto trovata in rete.

Una Risposta to “Giò Ponti”

  1. wu ming Says:

    i due appuntamenti sono già passati! e il bus andava proprio a via domenichino..

    domus 80 | Giò Ponti
    visite guidate
    Milano, 16/17 e 23/24 febbraio 2008
    Domus in occasione dei suoi 80 anni di attività organizza due weekend di visite guidate gratuite ad 8 opere del grande maestro Giò Ponti.

    Ogni partecipante può comporre a proprio piacimento l’itinerario.

    Laureandi in architettura accolgono i visitatori sul posto e spiegano le singole opere, anche in relazione ad edifici di pregio artistico presenti nelle vicinanze.

    Bus navetta Atm gratuiti collegano fra di loro, con una frequenza di 20 minuti circa, i luoghi delle visite guidate.

    Percorso della navetta Atm: piazza Duca d’Aosta, Via Pergolesi/Doria, Via Moscova/Largo Donegani, Bastioni P.ta Venezia, Viale Alemagna, Via Verga Giovio, Via Buonarroti, Via Domenichino/Piazza Amendola, piazza Duca d’Aosta

    Maggiori informazioni ed itinerari
    http://www.domusweb.it/domus2k6/domus80/


Rispondi a wu ming Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: