Rosso come una sposa

Ibrahimi, Anilda (2008). Rosso come una sposa. Torino:Einaudi. 2008.

Ecco un altro libro sulla nonna, mi sono detto quando l’ho iniziato. Perché ne abbiamo letti tanti, di libri sulla nonna. Italiani, ma soprattutto stranieri, possibilmente un po’ esotici. Nonne sudamericane o indiane. Qualcuna italiana, ma fortemente caratterizzata “etnicamente”.

Impressione fallace. Questo romanzo è un po’ diverso, ha un colpo d’ala. Non è un capolavoro, beninteso, ma si raccomanda per una lingua limpida ed efficace, e per uno sguardo nostalgico sì, ma temperato dall’ironia.

Forse – se dovessi azzardare una similitudine – si avvicina piuttosto a Persepolis di Marjane Satrapi. Ogni capitolo è come scandito dal ritmo della striscia a fumetti, autoconcluso.

Aspetto Anilda Ibrahimi alla prova del secondo romanzo, perché (ma posso sbagliarmi) l’autrice ha più di un libro nelle sue corde.

Concludo con la citazione di un bel proverbio albanese (citato, va da sé, dalla nonna):

Nella vita bisogna imparare due cose: non mettersi mai davanti al più forte o dietro l’asino, perché entrambi non ragionano e ti prendono a calci in faccia [p. 182].

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: