Le ali della libertà (The Shawshank Redemption, 1994)

Spero che i miei 25 lettori (per Manzoni era una civetteria, per me è un traguardo lontano, a giudicare dai pochi commenti che ricevo) conoscano tutti imdb.com. Imdb (Internet Movie Database) si autodefinisce il più grande e il migliore database sul cinema (e sulla televisione) del mondo e vanta 47 milioni di visitatori al mese. Tutti questi visitatori sono portatori d’informazione – anche perché imdb consente di dare un voto da 1 a 10 ai film – e quindi una pagina è dedicata alle classifiche. In particolare, quella dei 250 migliori film di tutti i tempi vede al primo posto Il padrino e al secondo, appunto, Le ali della libertà. Poiché lo davano ieri sera in televisione, l’ho guardato ed ecco la mia recensione.

Prima di parlare del film – dato che so per certo che tra di voi si annidano dei perversi come me – vi spiego la formula con cui è calcolata la classifica:

Rating pesato (WR) = (v ÷ (v+m)) × R + (m ÷ (v+m)) × C

dove:

R (rating) = voto (medio) del film

v (voti) = numero dei voti per il film

m (minimo) = numero minimo di voti per essere ammesso nei Top 250 (attualmente 1300)

C = il voto medio dei film su imdb (attualmente 6,7)

Le ali della libertà, come Il padrino, ha un voto di 9,1 ed è stato votato da oltre 243.000 persone.

Adesso il film: tratto da un racconto di Stephen King, è la storia di un uomo e di una prigione americana, nell’arco di 20 anni (tra il 1947 e il 1967). La tecnica narrativa è del tutto tradizionale. Andy Dufresne, impiegato di banca, è accusato e condannato all’ergastolo per avere ucciso moglie e amante. Non sappiame se è colpevole e tutto considerato non ci interessa. Finisce nella solita prigione terrificante, dove gliene fanno di tutti i colori, ma lui – grazie alla sua intelligenza e alla sua tenacia, oltre che all’amicizia con il factotum della prigione, il vecchio ergastolano negro Red – si fa benvolere da tutti. Finale a sorpresa, che non vi racconto (però non andate avanti a leggere se non avete visto il film, perché qualcosa devo pur dire).

Il mistero è questo: il film è bello, ma non bellissimo. Questo non lo dico soltanto io, lo dice anche il Mereghetti, che gli dà due e mezzo (su quattro; lo stesso voto che dà a In viaggio con Pippo, che su imdb prende 6,2). Com’è che nell’opinione dei visitatori di imdb (e voi sapete che il vecchio Boris rispetta la vox populi) si piazza così in alto? Più in alto di film come Casablanca (al settimo posto, con 8,8), La finestra sul cortile (tredicesimo, con 8,7), Citizen Kane (ventiquattresimo, con 8,6), La vita è meravigliosa (ventinovesimo, con 8,5)?

Forse la mia risposta è stereotipata e persino razzista, ma è questa: perché la maggior parte dei visitatori di imdb è americano (nord-americano, statunitense) e questo è un film fatto su misura per il gusto, la sensibilità, la cultura americana (nord-americana, statunitense). C’è l’eroe solitario (Andy Dufresne), che all’inizio potrebbe sembrare un perdente: Red scommette contro di lui; ma noi sappiamo già che perderà la scommessa, perché Andy non è un “perdente” (se mi chiedete qual è la cosa che mi ripugna di più del modo di pensare americano, è questo dividere il mondo tra perdenti – quasi tutti – e vincenti – i pochi “eletti”). Ma no: Andy non è un perdente perché ha un sogno, ha una speranza, e quindi deve vincere – solo contro tutti. Anzi, quasi solo, perché ha comunque bisogno di un amico – ma non di un amico al suo stesso livello, bensì di un Sancho Panza: negro, vecchio, ignorante e con un cuore d’oro. Nel momento decisivo, però, Andy è solo; e, alla fine, è Andy che salva Red, e non viceversa.

Questo è il confronto a distanza tra i due sulla speranza:

Red: Let me tell you something my friend. Hope is a dangerous thing. Hope can drive a man insane.

Andy: [in letter to Red] Remember Red, hope is a good thing, maybe the best of things, and no good thing ever dies.

E questo è un dialogo rilvelatore su quello che Andy pensa dei perdenti:

Tommy: I’m thinkin’ maybe I should try for high school equivalency. Hear you helped some fellas with that.
Andy: I don’t waste time on losers, Tommy.
Tommy: (tight) I ain’t no goddamn loser.
Andy: That’s a good start. If we do this, we do it all the way. One hundred percent. Nothing half-assed.
Tommy thinks about it, nods.

Importantissimo l’ambiente carcerario. Non è un ambiente, è un mondo. Anzi, è il mondo, questo mondo. Un mondo opportunamente semplificato: ci sono i carcerati cattivissimi e froci (perché un po’ di sana omofobia non guasta mai!); ci sono le guardie sadiche e ottuse; ci sono i direttori corrotti e assassini; c’è la burocrazia ottusa ma alla fine “pieghevole” alle buone intenzioni opportunamente insistite; ci sono gli amici sciocchi e ignoranti ma buoni. Dentro questo mondo, Andy vince, da bravo self made man. Fuori da questo mondo, tutto è assai più complicato: nessuno, salvo Andy, ce la può fare.

D’altro canto, la prova a contrario che il carcere è questo mondo è l’insistenza sulla metafora della redenzione, fin dal titolo originale del film. Tutto il film gioca sulla Bibbia (il direttore, Warden Samuel Norton, è un fanatico religioso): Salvation lies within. Fuori dal carcere c’è l’altro mondo, che può essere l’inferno (come per Brooks, e per Red all’inizio della libertà, dopo quarant’anni di carcere) o il paradiso (Andy a braccia aperte sotto la pioggia e, soprattutto, l’ultima scena sulla spiaggia, sovraesposta in una luce trasfigurata).

Pubblicato su Recensioni. 4 Comments »

4 Risposte to “Le ali della libertà (The Shawshank Redemption, 1994)”

  1. morgaine Says:

    forse non dovevo leggere gli spoilers ma temo davvero che questo non sia un film per me, con tutto questo sadismo. Allora è meglio Arizona Junior dei fratelli Cohen, simile per certi versi, ma acidissimo e buffo. Scommetto che in questo film non ci sono donne e se ci sono non contano nulla.

  2. marco f Says:

    I film sono fatti per tutti…non credo al film fatto su misura per un pubblico in particolare…piuttosto credo che le persone siano piu’ facilmente sensibili e predisposte a certi film; se nel caso de “Le ali della libertà” non sei stato coinvolto nel messaggio o nelle emozioni che trasmette…non e’ un problema ‘Degustibus!’
    Le classifiche lasciale da parte …non contano una cippa,
    pero’ ti consiglio di riguardarlo in chiave piu’ rilassata…e meno prevenuta! ciao buona visione

  3. La grande fuga « Sbagliando s’impera Says:

    […] agli Oscar e ai Golden Globe, pur senza vincere. Tuttora, figura all’87° posto della classifica di IMDb, ha un pubnteggio medio di 8,4 punti su 10, cui hanno contribuito oltre 46.000 […]

  4. Elisa Says:

    Una commento telegrafico: meraviglioso e commovente.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: