Tre romanzi di Paolo Roversi

Roversi, Paolo (2006). Blue tango. Noir metropolitano. Viterbo: Stampa alternativa. 2006.

amazon.com

Roversi, Paolo (2006). La mano sinistra del diavolo. Milano: Mursia. 2006.

Roversi, Paolo (2007). Niente baci alla francese. Milano: Mursia. 2007.

Ho già spiegato tempo fa che non amo i romanzi gialli. E allora perché mi ostino a leggerli? Le risposte sono molte, nessuna esauriente. Perché sono un lettore onnivoro e pervicace. Perché tra le varie epigrafi che vorrei fare incidere sulla mia lapide una è: “Vissi, dissi e mi contraddissi”. Perché ci ricasco ogni volta come Charlie Brown quando Lucy si offre per fargli tirare il pallone…

In questo caso, però, avevo anche un motivo sentimentale. L’autore, Paolo Roversi, è delle mie parti e sono venuto a conoscenza della sua esistenza (è molto più giovane di me) perché organizza a Suzzara un festival di letteratura, Nebbia gialla.

Al di là delle motivazioni sentimentali, però, i tre romanzi non mi sono piaciuti. Roversi non scrive in modo memorabile (tra l’altro, i testi sono pieni di refusi). Le trame non sono originali (non sono un giallista, ma la soluzione si scopre in tutti e 3 i casi fin dalle prime pagine) e personaggi e stile mi sembrano un po’ un centone di personaggi e stili di altri romanzi gialli (e io non sono un cultore del genere!).

Fa in parte eccezione il secondo, in parte ambientato nella torrida estate della Bassa mantovana, in cui ho ritrovato atmosfere e storie a me care. Il clima è quello di Giorno d’estate di Francesco Guccini.

Giorno d’estate, giorno fatto di sole,
vuote di gente son le strade in città,
appese in aria e contro i muri parole,
ma chi le ha dette e per che cosa chissà.

I manifesti sono visi di carta che non dicono nulla e che nessuno più guarda,
colori accesi dentro ai vicoli scuri,
sembrano un urlo quelle carte sui muri,
sembrano un urlo quelle carte sui muri…

Giorno d’estate, giorno fatto di vuoto,
giorno di luce che non si spegnerà;
sembra d’ andare in un paese remoto,
chissà se in fondo c’è la felicità.

Un gatto pigro che si stira sul muro, sola cosa che vive, brilla al sole d’estate;
si alza nell’aria come un suono d’incenso,
l’odore di tiglio delle strade alberate,
l’odore di tiglio delle strade alberate…

Giorno d’estate, giorno fatto di niente,
grappoli d’ozio danzan piano con me,
il sole è un sogno d’oro, ma evanescente,
guardi un istante e non sai quasi se c’è.

Dentro ai canali l’erba grassa si specchia, cerchi d’ombra e di fumo sono voci lontane;
nell’acqua il sole con un quieto barbaglio
brucia uno stanco gracidare di rane,
brucia uno stanco gracidare di rane…

Giorno d’estate senza un solo pensiero,
giorno in cui credi di non essere vivo,
gioco visivo che non credi sia vero
che può svanire svelto come un sorriso.

Vola veloce ed iridato un uccello come un raggio di luce da un cristallo distorto:
vola un moscone e scopre dietro a un cancello
la religiosa sonnolenza d’ un orto,
la religiosa sonnolenza d’ un orto.

Pubblicato su Recensioni. 1 Comment »

Una Risposta to “Tre romanzi di Paolo Roversi”

  1. Paolo Roversi – L’ira funesta: Il primo caso del maresciallo Valdes | Sbagliando s'impera Says:

    […] Roversi, su questo blog, abbiamo già avuto occasione di parlare qualche anno fa (qui, per l’esattezza). Avevo confessato, in quell’occasione, di non essere un appassionato […]


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: