L’aquila con il coltello: Hitchcock e Jannacci avevano ragione

Non è un fotomontaggio. Almeno così ci assicura il Daily Mail.

Il fotografo olandese Han Bouwmeester, a Västerbotten in Svezia per un reportage fotografico sulle aquile, aveva usato il coltello per preparare dei pezzi di carne come esca. Il coltello – dimenticato a terra dal fotografo (eppure la mamma glielo diceva sempre che chi è disordinato si mette nei guai) – si è dimostrato per l’aquila un’esca più attraente della carne. Doveva aver sentito famoso apologo del pesce e della canna da pesca: aiuti più una persona insegnandogli a pescare che non fornendogli ogni tanto un pesce da mangiare.

Golden eagles: Picture shows bird of prey soaring away clutching a KNIFE | Mail Online

A forgetful photographer had the shock of his life when this soaring golden eagle made off with his knife.

Dutch snapper Han Bouwmeester had been using the utensil, in Västerbotten, Sweden, to carve up chunks of meat in a bid to attract the birds of prey.

But, busy with the task in hand, the wildlife aficionado clumsily dropped it in the snow.

L'aquila e il coltello

dailymail.co.uk

Il coltello

dailymail.co.uk

Hitchcock aveva ragione:

E anche Enzo Jannacci, naturalmente (qui in una versione aggiornata nelle immagini rispetto a quella che ho già messo altrove):

Kitty Ferguson – The Music of Pythagoras

Ferguson, Kitty (2008). The Music of Pythagoras: How an Ancient Brotherhood Cracked the Code of the Universe and Lit the Path from Antiquity to Outer Space. New York: Walker & Company. 2008. ISBN 9780802716316. Pagine 384. 31,91 €

The Music of Pythagoras

amazon.com

Mi accorgo che da qualche tempo sembrano prevalere, nelle mie recensioni e dunque nel mio apprezzamento dei libri che leggo, gli aspetti negativi su quelli positivi. Ci tengo, invece, a dare di me l’immagine di un inveterato ottimista, invece che di un pedante criticone: antepongo quindi gli aspetti positivi di questo libro su quelli negativi.

La sovraccoperta, che vedete qui sopra, è bellissima e raffinatissima.

Il testo è chiaro e comprensibile.

Adesso le critiche: di Pitagora non si sa quasi nulla. Questa circostanza rende tutta la prima parte del libro – 100 pagine a essere generosi, anche di più se vogliamo aggiungere che si sa ben poco anche dei pitagorici e che con questo ci si spinge fino all’epoca romana – del tutto congetturale e un po’ inane. Insomma, non c’è semplicemente abbastanza materiale per tentare di scrivere una biografia di Pitagora (ed è qui che i tentativi di Kitty Ferguson, che vanno avanti per pagine, fanno venire la tentazione di mollare il libro). E sui primi pitagorici non andiamo molto meglio.

Il resto del volume è dedicato alle influenze di Pitagora sul pensiero medievale, moderno e contemporaneo. E qui sorge un secondo problema: data tutta l’incertezza sulla figura storica di Pitagora, che non ha scritto nemmeno un rigo e di cui è dubbia persino l’esistenza, quasi tutto quello che sappiamo di lui e delle sue dottrine è filtrato da Platone e dal platonismo. E dunque è abbastanza difficile separare l’influsso del pitagorismo da quello del platonismo e del neoplatonismo. A me – ma sarò certamente un sempliciotto – basta e avanza leggere la storia della filosofia e della scienza come percorsa dalle correnti sotterranee dell’aristotelismo (nelle sue diverse incarnazioni) e del platonismo (nelle sue diverse incarnazioni). Se poi Platone sia più figlio di Pitagora che di Socrate mi sembra una questione relativamente poco interessante.

Dev’essere colpa di Raffaello.

Platone e Aristotele

wikipedia.org

Oppure di quello che non si studia negli Stati Uniti.

La scuola di Atene

amazon.org

Occorre ammettere, però, che Kitty Ferguson è consapevole del problema, anche se lo liquida con poco più di una battuta:

When the members of Plato’s Academy before and after his death in 348/347 B. C. thought about Pythagoras and called themselves Pythagorean, they had in mind mainly Pythagoras as seen through Plato’s eyes. However, to say that Pythagoras was reinvented as a “late Platonist,” as some scholars insist, is to be too glib and overconfident about where to draw the lines between original Pythagorean thought, Pythagorean thought shortly after Pythagoras’ death, Archytas, Plato, and Plato’s pupils, some of whom attributed their own ideas to more ancient Pythagoreans and even to Pythagoras. As time passed, the line between Platonism and what called itself Pythagorean became increasingly difficult to discern. Eventually the two were indistinguishable. [pp. 145-146]

D’altro canto, la tesi che tutto quello che di Platone non ci piace venga da Pitagora era già stata esposta da Bertrand Russell nella sua Storia della filosofia occidentale e Kitty Ferguson ne è ben consapevole:

Vehemently rejecting the idea that humans have any grounds for discussion of an ideal world beyond what can be extrapolated in a reasonable manner from what we experience with our five senses, Russell was convinced that “what appears as Platonism is, when analyzed, found to be in essence Pythagoreanism.” It was from Pythagoras that Plato got the “Orphic element” in his philosophy, “the religious trend, the belief in immortality, the other-worldliness, the priestly tone, all that is involved in the simile of the cave, his respect for mathematics, and his intimate intermingling of intellect and mysticism.” Russell blamed  Pythagoras for what he saw as Plato’s view that the realm of mathematics was a realm that was an ideal, of which everyday, sense-based, empirical experience would always fall short. [p. 298]

***

Qualche citazione.

The music interval of the octave was the “first consonance,” which Philolaus identified by the name harmonia. The “second consonance” was the interval of a fifth; the next was the interval of a fourth. Add the four nu,mbers in these ratios (1, 2, 3, 4) and the result is 10, the perfect number.
The numbers 1, 2, 3, and 4 had additional significance for Philolaus. They underly the progression from point to line to surface to solid. [p. 107]

[a p. 239 si cita un passe del De re aedificatoria di Leon Battista Alberti tradotta in inglese, ma io – traduzione per traduzione – vi propongo quella in italiano di Cosimo Bartoli]
Certamente io sempre più mi confermo nell’opinione di Pittagora, che la natura sia simile a se stessa in tutte le sue cose. Diffatti quei medesimi numeri, per i quali avviene che il concento delle voci apparisca gratissimo agli orecchi degli uomini, sono quelli stessi che empiono anche e gli occhi, e l’animo di piacere maraviglioso. Caveremo adunque tutta la regola del finimento dai musici, a cui perfettissimamente sono noti questi tali numeri; e da quelle cose inoltre, nelle quali la natura dimostri di se alcuna cosa degna ed onorata. [p. 450 dell’edizione facsimile in .pdf che si scarica qui]

Kepler combined the intervals into two kinds of musical scales. One had a major third and sixth in it and was the durus scale, close to what we call the major scale. (The major scale beginning on C, for example, includes the intervals C to E and C to A.) The other, with a minor third and sixth, was called the mollis scale, close to what we call the minor. (The minor scale beginning on C, for example, includes the intervals C to E flat and C to A flat.) Likewise, chords based on major thirds and sixths were durus; chords based on major thirds and sixths were mollis. [In German, dur in music still means “major”; moll is “minor”: nota a piè di pagina dell’autrice] It requires no musical training to hear the difference between the two scales or chords and experience the emotional effect of this difference: the durus (major) is happy and the mollis (minor) sad. [pp. 268-269. L’esposizione di Kitty Ferguson lascia con l’impressione che sia stato Keplero a introdurre la terminologia durus/mollis, ma a me non risulta così; mi propongo di approfondire]

As Kepler calculated it, two-note harmonies of this sort occur almost every day, and Mercury, Earth, and Mars even sing three-part harmony fairly often. Venus, with so little eccentricity to its orbit, hardly varies its pitch at all, making it a sort of Johnny One-Note in the choir. If there is to be harmony with Venus, it must be when another planet slides into harmony with her, not the other way around. Four-note harmonies occur either because Mercury, Earth, and Mars are in adjustment with Venus’ monotone, or because they have waited long enough for the slow-changing bass voice of Jupiter of Saturn to ease into the right note. “Harmonies of four planets, ” wrote Kepler, “begin to spread out among the centuries; those of five planets, among myriad of years.” As for the harmony among all six planets – that grand and greatest “universal harmony” – the chord would be huge, spanning more than seven octaves. (You could not play it on most modern pianos. You would need an organ.) Kepler thought it might be possible for it to occur in the heavens only once in the entire history of the universe. Perhaps one might determine the moment of creation by calculating the past moment when all six planets joined in harmony. Kepler thought about the words of Job to Job: “Where were you when I laid the Earth’s foundation … when the morning stars sang together?” [p. 272. L’influenza di questo pensiero kepleriano – e pitagorico – conserva importanza, se non nelle scienze, almeno nella letteratura e delle arti: è uno dei temi sotterranei di Anathem di Neil Stephenson, e naturalmente del progetto Clock of the Long Now di Danny Hillis e della musica che ha ispirato a Brian Eno, January 07003: Bell Studies for the Clock of the Long Now]

The Catholic church, for centuries the guardian and bastion of learning, had turned foolish to the point of malign senility and condemned herself and Italy – the ancient home of Pythagoras – to what was virtually a new scientific dark age. The center of scientific endeavor and achievement moved, irretrievably, to northern Europe and England. [p. 278]

Masons, illuminists, and intellectual revolutionaries associated Pythagoras with prime numbers, though there had been no suggestion in antiquity of such a link. Great significance was attached to what were believed to have been the central prime numbers of Pythagorean mysticism: 1, 3, 5, and 7. […] In a moment of leftist paranoia about a possible Jesuit plot for a secret takeover of Masonry, there was a suggestion that 17 was the number needed to understand the Jesuit plan. A rightist pamphleteer turned that idea around and proceeded, ingeniously, to show how all of revolutionary history derived from the number 17. [p. 289]

Powers & Duncan – The Werewolf’s Guide to Life: A Manual for the Newly Bitten

Powers, Bob & Ritch Duncan (2009). The Werewolf’s Guide to Life: A Manual for the Newly Bitten. New York: Crown Publishing. 2009. ISBN 9780307589408. Pagine 256. 12.64$

The Werewolf's Guide to Life: A Manual for the Newly Bitten

waterstones.com

Dietro questo libro c’è una sola idea – carina, ma una sola. Troppo poco per tirarla in lungo per 256 pagine.

L’idea è quella di trattare la licantropia come una condizione clinica o psicologica, e scriverci su una parodia dei manuali di self-help che affollano le librerie. Un’idea divertente per le prime 10 pagine. Via, le prime 20.

Non varrebbe nemmeno la pena di recensirlo se non fosse per un morboso particolare: alle 9 di sera del 6 novembre 2011 la polizia di Milwaukee (Wisconsin, USA), cui era stato segnalato un caso di accoltellamento, ha trovato all’incrocio di 2 strade di un quartiere residenziale un ragazzo di 18 anni sanguinante per oltre 300 ferite da taglio. Il ragazzo raccontava agli agenti di essere venuto in corriera da Phoenix (Arizona) per incontrare una ragazza conosciuta online, ma che dopo essersi recato al suo appartamento era stato legato e ferito per un paio di giorni.

Mentre il ragazzo veniva ricoverato in ospedale, gli astuti agenti seguivano le tracce di sangue fino alla porta di un appartamento, che trovavano aperto e con molte altre tracce di sangue sul pavimento e su un letto, dove era evidente anche un rudimentale sistema di detenzione a base di nastro adesivo (that’s America for you, where duct tape is really tough!).

Gli agenti erano ancora nell’appartamento quando si avvicinava una giovane donna e diceva: «Immagino stiate cercando me». Identificata per Rebecca Chandler, 22 anni, la ragazza dichiarava di essersi intrattenuta sessualmente con il ragazzo, che il bondage e il tagliuzzamento erano consensuali ma che la situazione era sfuggita di mano. Raccontava anche, in una deposizione giurata, di condividere l’appartamento con una certa Scarlett, che aveva partecipato ai giochi erotici, era responsabile della maggior parte delle ferite e forse coinvolta in pratiche sataniche.

Nell’appartamento c’erano soltanto 2 libri, The Necromantic Ritual Book e The Werewolf’s Guide to Life (persino la polizia di Milwaukee si è accorta trattarsi di un libro umoristico, ma questo non ha impedito alla stampa di sollevare un polverone sull’effetto nefasto che libri siffatti possono avere su menti impreparate).

The Necromantic Ritual Book

thesmokinggun.com

Scarlett si è poi rivelata essere Raven Larrabee, di 20 anni. Qui sotto le foto segnaletiche delle 2 “streghe”.

Chandler e Raven

thesmokinggun.com

La storia è raccontata qui (e c’è anche la copia dell’affidavit del poliziotto che ha scoperto il fattaccio).

Su facebook si trova anche l’autodifesa (?!) di Raven Larrabee alias Scarlett alias Wolf Shepard che ammette che The Werewolf’s Guide to Life è una parodia e non un vero manuale!

***

Nonostante tutto, qualche citazione, se non altro per darvi l’idea del genere di humour. Il riferimento è come di consueto alle posizioni sul Kindle:

TOP 10 WORST PLACES TO BE DURING A MOON
10. In a movie theatre
9. On a commercial passenger flight
8. Driving
7. Hosting a children’s sleepover
6. On a military base
5. In jail
4. In a hospital
3. In a mall
2. On a cruise
1. Piccadilly Circus or Times Square [1237]

Werewolves have been accused of a great many things over the centuries, but never of being picky eaters. [1401]

Here are some sample first lines to break the ice on this very touchy conversation:
1. You know how all my hair grew back? It wasn’t the Rogaine.
2. Remember when you confessed that you only floss when you know you have a dentist appointment coming up? Well, I have a confession too.
3. I have six months to live. Kidding! I’m just a werewolf.
4. You know how I said that I volunteered to be a Cub Scout troop leader even though we don’t have any kids, and every month I have to take the troop on a three-day camping trip? Well, that wasn’t entirely the truth.
5. I have good news and bad news. The good news is I’m not a vampire. [1628]

For every objectionable, repulsive, or dangerous activity imaginable, there is someone out there who’s into it. The more irresponsible the behavior, the stronger some will try to embrace that behavior. It is hard to imagine that anyone would ever actually try to become a werewolf, but believe it or not, there are those out there who are into it. [2441]

Miles Davis va alla Casa bianca

Miles Davis – uno dei più grandi musicisti di tutti i tempi, non soltanto nel jazz – era un uomo di poche parole. La sua voce, che si sente in qualche registrazione in studio, era bassa e rugginosa, probabilmente proprio perché usata raramente. Ma quando parlava, ero spesso abrasivo, ben cosciente dei torti subiti dai neri.

Una sera del 1987, fu invitato a una cena da Ronald Reagan. A un certo punto, Nancy, la first lady, gli si rivolse, evidentemente ignara di chi fosse quel tizio seduto a tavola con lei, e gli chiese garrula che cosa avesse fatto nella vita per meritare un invito a cena alla Casa bianca.

«Be’ – rispose Miles Davis con perfetto aplomb – ho cambiato il corso della musica 5 o 6 volte. E lei, oltre a scopare con il presidente?»

Miles Davis nel 1985

wikipedia.org

Grazie al Guardian via boingboing. Le vie del web non sono infinite, ma comunque molto numerose.

Le lucciole di Pasolini

Chi legge questo blog con qualche regolarità sa che nutro un’epidermica antipatia per Attilio Scarpellini, uno dei conduttori della trasmissione mattiniera di RadioTre Qui comincia. La trasmissione peraltro la seguo da anni, nelle sue diverse incarnazioni, e accompagna i miei rituali del mattino. E ho molta simpatia e addirittura affetto per gli altri che si alternano al microfono: di Paolo Terni adoro i raffinati borbottii, il suo proporre con pudore e modestia pensieri molto profondi; di Anna Menichetti (una delle voci più sexy di Radio Rai, assieme a quella di Marina Flaibani) mi piace la sensibilità trasognata; di Arturo Stàlteri ho addirittura un album di qualche anno fa (Syriarise) e conservo memoria di un suo incontro con Brian Eno, raccontato da quest’ultimo in A Year With Swollen Appendices: Brian Eno’s Diary. Spero che l’interessato non me ne voglia, ma con Scarpellini, invece, mi scatta solo l’irritazione e la voglia di cambiare canale.

ppp

radio3.rai.it

Ma non lo faccio. E così la mattina del 16 maggio 2012  ho ascoltato la puntata che parlava di Pier Paolo Pasolini e, in particolare, un riferimento che Scarpellini ha fatto al famoso tema della scomparsa delle lucciole come di una “metafora” di Pasolini.

Ecco, mi sono detto, subito prevenuto contro Scarpellini: quando PPP scrisse della scomparsa delle lucciole tutti a dire: “Pasolini, poeta e profeta, ma soprattutto grande intellettuale a tutto tondo, capace di cogliere i più profondi cambiamenti non solo della società ma anche dell’ambiente planetario.” Poi qualcuno ha fatto la scoperta: le lucciole erano tornate. Ancora una volta è stato il Corriere della sera (che aveva smesso da tempo di essere un quotidiano autorevole per trasformarsi definitivamente in un quotidiano di sussiegose nullità) a fare lo scoop (l’articolo di Lilli Garrone è del 28 maggio 2006 e ha meritato la prima pagina!):

SONO RICOMPARSI GLI INSETTI RIMPIANTI DA PIER PAOLO PASOLINI IN UN CELEBRE ARTICOLO

Villa Borghese, il ritorno delle lucciole

Mancavano da così tanto tempo che nessuno le aspettava più. Ormai erano entrate nei racconti di chi arrivava da una vacanza ai tropici o da una campagna sperduta. E invece, all’ improvviso, eccole qui. Le lucciole sono tornate a illuminare le primaverili notti romane. Sono tornate anche in un luogo così centrale e inaspettato come Villa Borghese. Si intravedono nel boschetto urbano dietro via di Villa Ruffo, lampeggiano tra gli alberi accanto la fontana Rotonda. Si accendono e si spengono per gli sguardi increduli e stupiti anche delle persone adulte, non solo dei bambini. Chissà cosa avrebbe detto Pier Paolo Pasolini se fosse stato ancora vivo. Se avesse potuto rivederle in questa città. Perché proprio sulle colonne del Corriere della Sera, il primo febbraio del 1975, con un articolo titolato «Coscienze al buio senza lucciole» il famoso poeta lanciò la sua guerra contro il modello di sviluppo degli anni Sessanta e parlò con grande nostalgia della loro scomparsa. Eccone un brano: «Nei primi anni Sessanta a causa dell’inquinamento dell’aria, e, soprattutto in campagna, a causa dell’inquinamento dell’acqua… sono cominciate a sparire le lucciole. Il fenomeno è stato fulmineo e folgorante… Sono ora un ricordo, abbastanza straziante del passato». Così, di certo la loro rinnovata presenza è una buona notizia. Perché le lucciole, dicono gli esperti, sono un indicatore della salute dell’ecosistema. Almeno per quanto riguarda il loro habitat: prati, cespugli e siepi. Siccome non se ne parlava da un po’ , forse non tutti sanno che le lucciole sono insetti (coleotteri), e non pizzicano l’ uomo. Quando luccicano non lo fanno per noi: lo fanno perché sono in amore e quello è il loro modo di cercare un compagno. L. Gar.

Garrone Lilli

Pagina 1
(28 maggio 2006) – Corriere della Sera

Qualcuno ha provato a dire, sommessamente, che le lucciole non erano mai scomparse. La voce era troppo flebile, gli amplificatori dei media assenti: la verità “ufficiale” è quella della scomparsa e del ritorno. Per maggiore sicurezza però – mi dicevo l’altra mattina – meglio declassare il punto di vista di Pasolini da osservazione a metafora.

A questo punto, però, mi è sembrato doveroso andare a rileggere l’articolo di Pasolini del 1° febbraio 1975. Il titolo (mi viene da scrivere “naturalmente”, dato il livello dell’articolo di Lilli Garrone, che non si è degnata di andare a controllare – la buona notizia è che le lucciole sono davvero coleotteri) non è «Coscienze al buio senza lucciole», ma «Il vuoto del potere».

Che dire? Non mi sembra che Pasolini parli della scomparsa delle lucciole in senso metaforico, ma certo utilizza questo “evento” come spartiacque all’interno di un’analisi delle metamorfosi del potere, fascista e democristiano. Ma io qui non voglio parlare di questo, ma di come un uomo come Pasolini (certamente intellettuale e poeta per sua scelta, anche se forse profeta sua malgrado) possa costruire un’argomentazione su un fattoide (o fattizio, cioè un “fatto che non esiste prima di apparire in una rivista o un giornale”, secondo la definizione di Norman Mailer), senza prendersi la briga di verificare se fosse vero o falso che le lucciole erano scomparse.

Questo ci dice molto sulla cultura italiana, che da quasi 40 anni discute sulle implicazioni della scomparsa delle lucciole con assoluto disprezzo delle circostanze di fatto: dice, secondo me, molto sul conformismo, molto sulla disposizione e sulla disponibilità a credere ai dogmi, molto sul groupthink eletto a sistema di pensiero. Purtroppo, temo, ci dice molto anche su Pasolini come pensatore e maestro del pensiero: perché a me, a rileggerlo, sembra che l’articolo sia veramente debole. Non nella polemica con Franco Fortini su “fascismo aggettivo e fascismo sostantivo”, che si può largamente condividere, ma proprio sul ruolo di pietra miliare assegnato alla presunta e largamente fittizia (o fattizia) “scomparsa delle lucciole”, spartiacque tra un “prima” e un “dopo”, in cui il “prima” è nonostante tutto meglio del “dopo”: una nostalgia che, spiace dirlo, è il sigillo del pensiero di destra.

Dal momento che l’articolo di Pasolini potete andarvelo a leggere integralmente con un click su un link, mi concederò la licenza di tagliuzzarlo e ricostruirne la sequenza per meglio chiarire la parte che vi recitano le lucciole e i limiti (a mio parere, naturalmente) della mitologia precapitalistica e premoderna di Pasolini.

Nei primi anni sessanta, a causa dell’inquinamento dell’aria, e, soprattutto, in campagna, a causa dell’inquinamento dell’acqua (gli azzurri fiumi e le rogge trasparenti) sono cominciate a scomparire le lucciole. Il fenomeno è stato fulmineo e folgorante. Dopo pochi anni le lucciole non c’erano più. (Sono ora un ricordo, abbastanza straziante, del passato: e un uomo anziano che abbia un tale ricordo, non può riconoscere nei nuovi giovani se stesso giovane, e dunque non può più avere i bei rimpianti di una volta).
Quel “qualcosa” che è accaduto una decina di anni fa lo chiamerò dunque “scomparsa delle lucciole”.

[…] una decina di anni fa, è successo “qualcosa”. “Qualcosa” che non c’era e non era prevedibile non solo ai tempi del “Politecnico”, ma nemmeno un anno prima che accadesse (o addirittura, come vedremo, mentre accadeva).

Durante la scomparsa delle lucciole […] sia il grande paese che si stava formando dentro il paese – cioè la massa operaia e contadina organizzata dal PCI – sia gli intellettuali anche più avanzati e critici, non si erano accorti che “le lucciole stavano scomparendo”. Essi erano informati abbastanza bene dalla sociologia (che in quegli anni aveva messo in crisi il metodo dell’analisi marxista): ma erano informazioni ancora non vissute, in sostanza formalistiche. Nessuno poteva sospettare la realtà storica che sarebbe stato l’immediato futuro; né identificare quello che allora si chiamava “benessere” con lo “sviluppo” che avrebbe dovuto realizzare in Italia per la prima volta pienamente il “genocidio” di cui nel “Manifesto” parlava Marx.

I “valori” nazionalizzati e quindi falsificati del vecchio universo agricolo e paleocapitalistico, di colpo non contano più. Chiesa, patria, famiglia, obbedienza, ordine, risparmio, moralità non contano più. […] A sostituirli sono i “valori” di un nuovo tipo di civiltà, totalmente “altra” rispetto alla civiltà contadina e paleoindustriale. […] si tratta della prima “unificazione” reale subita dal nostro paese; mentre negli altri paesi essa si sovrappone con una certa logica alla unificazione monarchica e alla ulteriore unificazione della rivoluzione borghese e industriale. Il trauma italiano del contatto tra l'”arcaicità” pluralistica e il livellamento industriale ha forse un solo precedente: la Germania prima di Hitler. Anche qui i valori delle diverse culture particolaristiche sono stati distrutti dalla violenta omologazione dell’industrializzazione: con la conseguente formazione di quelle enormi masse, non più antiche (contadine, artigiane) e non ancor moderne (borghesi), che hanno costituito il selvaggio, aberrante, imponderabile corpo delle truppe naziste.

Ad ogni modo, quanto a me (se ciò ha qualche interesse per il lettore) sia chiaro: io, ancorché multinazionale, darei l’intera Montedison per una lucciola.

Pasolini passa poi a raccontare il “vuoto del potere” realizzatosi quando i democristiani “sono passati dalla ‘fase delle lucciole’ alla ‘fase della scomparsa delle lucciole’ senza accorgersene.” Questo racconto dà il titolo all’articolo, ma qui ci interessa meno. Mi preme piuttosto sottolineare 2 passaggi che mi sembrano cruciali:

  1. L’unificazione dell’Italia sarebbe – secondo Pasolini – intervenuta soltanto con l’accelerata industrializzazione del boom economico, e attraverso una “mutazione” antropologica più evidente nel Centro-Sud (come infatti è da attendersi per un Paese non ancora unificato): gli italiani “sono diventati in pochi anni (specie nel centro-sud) un popolo degenerato, ridicolo, mostruoso, criminale. Basta soltanto uscire per strada per capirlo.” Coerentemente marxista (più di tanti intellettuali organici), Pasolini antepone il cambiamento strutturale (l’industrializzazione) a quello sovrastrutturale (l’omologazione culturale trasmessa dalla televisione, ad esempio). Trovo molto bella e pertinente l’osservazione sulla “sociologia che in quegli anni aveva messo in crisi il metodo dell’analisi marxista.”
  2.  Nel passaggio benessere → sviluppo → genocidio (un passaggio agghiacciante, se vi fermate a riflettere anche solo qualche istante) c’è tutta la radice premoderna e reazionaria del pensiero di Pasolini: lo sviluppo è una perversione del benessere che conduce allo sterminio (penso che PPP avesse in mente il passo del Manifesto di Marx sulle crisi da sovrapproduzione: “Nelle crisi scoppia una epidemia sociale che in tutte le epoche precedenti sarebbe apparsa un assurdo: l’epidemia della sovraproduzione. La società si trova all’improvviso ricondotta a uno stato di momentanea barbarie; sembra che una carestia, una guerra generale di sterminio le abbiano tagliato tutti i mezzi di sussistenza; l’industria, il commercio sembrano distrutti. E perché? Perché la società possiede troppa civiltà, troppi mezzi di sussistenza, troppa industria, troppo commercio.”). Pasolini legge Marx come un teorico della decrescita: condizione del benessere vero è rinunciare al progresso, cioè ad andare avanti. Se possibile, anzi, tornare indietro, nell’Arcadia dove ci sono ancora lucciole. Una riflessione che dovrebbe farci guardare con cautela anche alla voga corrente che ci invita a guardare al di là della crescita economica e dello sviluppo (magari l’avessimo!) e perseguire il “benessere” o addirittura la “felicità”.

Giusto per farvi passare quello sguardo romantico e quell’espressione un po’ ebete (che ho anch’io, perché anch’io da bambino subivo il fascino delle lucciole e me le facevo mettere in un bicchiere – senza toccarle io perché gli insetti mi fanno orrore), qualche fatto (e non fattoide) sulla vita delle larve di lucciola: si nutrono prevalentemente di lumache e di chiocciole, grandi fino a 200 volte più di loro (ma ovviamente non velocissime nella fuga); le attaccano a morsi e poi iniettano loro (mentre ancora sono vive) un liquido tossico, che distrugge lentamente i tessuti della vittima e li digerisce trasformandoli in un fluido marrone, che la larva di lucciola può succhiare. Certo, la Montedison operava su un’altra scala, ma nel loro piccolo anche le lucciole …

A complicare le cose, in Italia ci sono due generi di lucciole (nessuno dei due è scomparso), entrambi della famiglia Lampyris: la Luciola (Laporte, 1833) e la Lampyris noctiluca:

Luciola

Luciola / curiosando708090.altervista.org

Lampyris noctiluca

Lampyris noctiluca / http://www.acquariodesign.com

Metropolitana di Roma, fermata Termini

Dopo oltre 2 anni di disagi, i lavori per il rifacimento della stazione Termini delle linee metropolitane A e B – iniziati il 10 aprile del 2010 – si avviano alla conclusione. Da sabato 12 maggio è stato riaperto uno degli accessi alla linea A. I lavori dovrebbero essere completati entro l’anno.

Questa la descrizione dei lavori che ho trovato sul sito romametropolitane.it (c’è anche una bella brochure in .pdf che potete scaricare qui):

L’adeguamento del nodo di Termini, di corrispondenza tra la Linea A e la Linea B della Metropolitana di Roma, consiste nel miglioramento e potenziamento complessivo delle sue caratteristiche, sia funzionali che prestazionali. L’intervento è compreso [nel] programma predisposto dal Sindaco in qualità di Commissario Delegato per l’emergenza traffico e mobilità. Le opere previste riguardano l’ammodernamento e il potenziamento dell’impiantistica di stazione e di sicurezza, l’eliminazione di tutte le barriere architettoniche, la realizzazione di opere che accrescano la potenzialità di scambio e il miglioramento della distribuzione dei flussi anche ai fini di facilitare l’evacuazione in caso di emergenza, nonché la riqualificazione degli ambienti interni e della sovrastante piazza dei Cinquecento.

Gli obiettivi dell’intervento possono essere così sintetizzati:

  • potenziamento, riorganizzazione e razionalizzazione dei percorsi al fine di evitare le congestioni, gli intralci e le conflittualità che oggi si manifestano, particolarmente nel collegamento in uscita dalla Linea A alla Linea B;
  • adeguamento alle prescrizioni delle norme sul rischio incendi;
  • superamento delle barriere architettoniche e miglioramento delle caratteristiche di accessibilità al servizio, con particolare riguardo agli utenti a ridotta capacità motoria e visiva;
  • generale ristrutturazione impiantistica e tecnologica;
  • rinnovo delle finiture.

La principale caratteristica funzionale della soluzione progettuale adottata consiste nella separazione dei flussi in ingresso e uscita, mediante la riorganizzazione di tutte le percorrenze interne e soprattutto con la realizzazione di un nuovo percorso di collegamento tra la banchina della Linea A, il piano sottopasso e le banchine della Linea B: vengono così raddoppiati i flussi in uscita dalla Linea A, che dalle simulazioni effettuate risultano l’effettivo aspetto critico fra tutte le percorrenze interne. La realizzazione della nuova galleria è prevista con scavo realizzato in profondità, sotto gli strati archeologicamente fertili. A ciò va aggiunta, sotto il profilo funzionale, la meccanizzazione di tutte le percorrenze interpiano, con inserimento di nuove rampe mobili, sostituzione di quelle esistenti e realizzazione di nuovi ascensori, che permetteranno agli utenti a ridotta capacità motoria di accedere a tutti i livelli del nodo.

Dal punto di vista tecnologico, l’intervento prevede l’istallazione [sic!] di una serie di attrezzature impiantistiche, quali centrali di estrazione fumi, barriere d’aria e impianti di spegnimento, che, unitamente all’utilizzo di materiali ed elementi costruttivi resistenti al fuoco, permette di rispettare pienamente la normativa antincendio vigente. Quanto all’immagine architettonica, lo scopo dell’intervento è di rinnovare le finiture senza però stravolgere l’immagine ormai consolidata, puntando soprattutto su un accorto utilizzo dei materiali, della segnaletica e dei criteri di illuminazione. Pertanto nella Stazione Linea B si è optato per il restauro e la conservazione degli spazi e dei materiali esistenti, mentre nella Stazione Linea A si è optato per la riqualificazione degli spazi e il rinnovo delle finiture, mediante l’impiego di materiali pregiati e di nuova generazione, caratterizzati da ottimo comportamento nei confronti dell’incendio, notevoli proprietà meccaniche nei confronti dell’uso e buona resistenza al vandalismo.

Sono previste inoltre alcune opere di sistemazione dell’area di piazza dei Cinquecento [vi risparmio l’elenco].

Il valore totale dell’investimento ammonta a circa 63 milioni di euro [questo lo lascio perché sarà interessante vedere, a consuntivo, quali siano stati i costi effettivamente sostenuti].

Fermata Termini

wikipedia.org

Sono sicuro che erano tutti interventi necessari, e rinviati per troppo tempo. In particolare, i percorsi di accesso, d’uscita e di collegamento tra le due linee non erano stati progettati per nulla, o erano stati progettati da un incompetente, con il risultato dello “scontro” tra correnti di traffico che procedono in senso contrario in spazi ristretti.

Epperò già si vedono i limiti dell’intervento attuale. Mi limiterò a quelli che tocco con mano nella mia quotidiana esperienza:

  1. continua a piovere nei passaggi sotterranei, in particolare nell’uscita dalla banchina della linea B direzione Rebibbia, appena prima della scala mobile;
  2. la pavimentazione nei classici “bolloni” di gomma sintetica nera, forse giudicati brutti, ma di produzione (e invenzione) italiana e con caratteristiche leggendarie di comfort (spessore e elasticità costanti, per un eccellente comfort durante la camminata; attenuazione efficace del rumore generato dal calpestio; riduzione della scivolosità), durata (resistenza all’usura e all’abrasione, alle bruciature senza segni permanenti e agli agenti chimici e ai prodotti di pulizia, con ridotte esigenze di manutenzione) e sicurezza (oltre a essere dotate di proprietà batteriostatiche e antimicrobiche naturali, in caso d’incendio, i fumi emessi non contengono gas tossici o corrosivi), è stata sostituita con marmettoni di pietra color antracite. Non ne conosco la provenienza e se la cave rispettino criteri ecologicamente sani, ma quel che è certo è che sono scivolosissimi con il bagnato (esperienza condotta di persona!);
  3. le nuove finiture alle pareti – con “l’impiego di materiali pregiati e di nuova generazione, caratterizzati da ottimo comportamento nei confronti dell’incendio, notevoli proprietà meccaniche nei confronti dell’uso e buona resistenza al vandalismo” – sono pannelli di metallo porcellanato bianco applicati sul rivestimento di travertino esistente: il risultato è che aggiungono alle pareti un ingombro di una quindicina di cm, che riduce ulteriormente il già inadeguato spazio disponibile sulle banchine della linea A, affollatissima ogni mattina. Non voglio sembrare menagramo, ma l’incidente è quotidianamente in agguato.

Il futuro del web secondo Google

Google annuncia Knowledge Graph.

Ecco il video di presentazione:

Qui la pagina di presentazione:

Knowledge – Inside Search – Google

When you search, you’re not just looking for a webpage. You’re looking to get answers, understand concepts and explore.

The next frontier in search is to understand real-world things and the relationships among them. So we’re building a Knowledge Graph: a huge collection of the people, places and things in the world and how they’re connected to one another.

This is how we’ll be able to tell if your search for “mercury” refers to the planet or the chemical element–and also how we can get you smarter answers to jump start your discovery.

See it in action

When you search for things, people, or places that Google knows about, we can use the Knowledge Graph to enhance your search results.Find the right thing
The words you search with can often have more than one meaning. With the Knowledge Graph we can understand the difference, and help you narrow your results to find just the answers you’re looking for.

Get the best summary
See key facts about your search with the most useful and interesting information for that particular topic, based on the questions other people have asked.

Go deeper and broader
Make unexpected discoveries and explore a topic more deeply with a springboard of information at your fingertips. What you find may surprise you!

See where your curiosity will take you. Give it a try.

Get answers no matter where you search

This feature is available on desktop, tablet and your smartphone. So wherever you search on Google, you’ll find that answers and discovery are at your fingertips.Learn more.

Knowledge Graph