30 luglio – In God We Trust

Il 30 luglio 1956, In God We Trust fu ufficialmente adottato come motto nazionale degli Stati Uniti. In precedenza, veniva utilizzato E pluribus unum, votato dal Congresso nel 1782 come sigillo nazionale (e non, strettamente, come motto). La frase In God We Trust compariva già sulle monete statunitensi dal tempo della Guerra di secessione.

Io – ma ve lo potevate immaginare – trovo la frase vagamente inquietante. Per quanto sappia che è irrazionale, e che il significato è diverso, mi ricorda il Gott mit Uns dei nazisti. Anche molti credenti, tra cui il presidente americano Theodore Roosevelt, ritengono che dio vada lasciato fuori dalle questioni politiche umane.

Forse il miglior commento è questo:

Never mind what my name is, my age, it means less.
The land that I come from is the free, open West.
Was taught and brought up there, the laws to abide,
And the country I live in has God on its side.

Oh, the history books tell it, they tell it so well.
The cavalries charged and the Indians, they fell.
The cavalries charged, the Indians, they died,
When the country was young and new, with God on its side.

Well, the Spanish-American War had its day,
And the Civil War, too, was soon laid away,
And the name of each hero, I was made to memorize,
With a gun in his hand and God on his side.

Oh, the First World War, boys, it closed out its fate,
Though the reason for fighting, I never got straight,
But I learned to accept it, and accept it with pride,
For you never ask questions when God's on your side.

Spoken line: When the Second World War finally came to an end,
We’d forgiven the Germans, and then we were friends.
Though they crucified millions, and it can’t be denied,
Well, the Germans, now too, have God on their side.

In a many dark hour, well, I’ve thought about this:
That Jesus, the Christ, was betrayed by a kiss.
Oh, but I can't think for ya, you'll have to decide
Whether Judas Iscariot had God on his side.

And so now as I'm leavin', I'm weary as Hell.
The amazement I'm feelin', mere words could not tell.
How long will it take till you believers will see
If a god is on OUR side, he'll prevent World War Three?

Curiosità: la canzone di Bob Dylan è adattata da The Patriot Game di Dominic Behan. Canzone tutt'altro che pacifista, in origine.

Dominic Behan è il fratello di Brendan Behan (qui sotto: notare il pub alle spalle).

Misocapnìa

L’odio per il fumo. Dal greco misos (odio) e kapnos (fumo).

Non basta, ai non fumatori, avere ottenuto che non si possa fumare in ambienti chiusi. Deve essere vietato fumare dappertutto. Anche all’aperto, per esempio. Ci sono edifici, nel Regno Unito, circondati da una striscia dipinta per terra, a un paio di metri dal muro: segnala l’area di rispetto, entro la quale non si può fumare. Mi pare abbastanza chiaro che tutto questo non ha più nulla a che vedere con il fumo passivo (rispetto al quale – a differenza che per il tabagismo attivo – non è mai stato provato che nuoccia alla salute: e mi pare difficile che lo possa essere in futuro, date le bassissime concentrazioni molecolari in questione, a meno che il fumo faccia effetto anche immaterialmente, in assenza anche di una sola molecola di sostanza attiva, come l’omeopatia).

No, la misocapnia vuole mettere fuorilegge noi, le persone, i fumatori. Saremo costretti a portare un simbolo cucito sui vestiti?

Pubblicato su Parole. 1 Comment »