Everyman

Roth, Philip (2006). Everyman. New York: Vintage. 2007.

Ho cominciato a leggere questo libro con sospetto. Non avevo mai letto niente di Philip Roth: a suo tempo, era stato un caso letterario, perché in Portnoy’s Complaint parlava di psicoanalisi e pompini. Questo, all’inizio, mi sembrava il solito libro americano, che racconta una vita a partire dai genitori, attraverso l’infanzia e l’adolescenza, fino al compimento.

Invece no. È un libro, struggente e delicatissimo, sulla morte. Sulla paura della morte. Infine, sulla liberazione della morte. Perché invecchiare è morire a poco a poco.

Si parla molto di invecchiamento in termini sociologici, e l’Istat nell’ultimo Rapporto annuale è abbastanza coraggioso: basta leggere tra le righe.

Le politiche possono contrastare i meccanismi sociali di posticipazione e riduzione della fecondità e gestire le conseguenze sociali ed economiche del processo d’invecchiamento, ma non arrestarne o invertirne la tendenza.

Roth è molto più esplicito e coraggioso nel rivelarci la verità:

Old age isn’t a battle; old age is a massacre (p. 156).

E ancora, senza illusioni e senza consolazioni (“senza i conforti della fede”):

… the billion-, the trillion-, the quadrillion-carat planet Earth! He went under feeling far from felled, anything but doomed, eager yet again to be fulfilled, but nonetheless, he never woke up. Cardiac arrest. He was no more, freed from being, entering into nowhere without even knowing it. Just as he’d feared from the start (p. 182).

Pubblicato su Recensioni. 2 Comments »

2 Risposte to “Everyman”

  1. morgaine Says:

    è però anche un libro sulla vita, le delusioni e forse l’unica cosa buona della vita del protagonista, la figlia, con la quale ha un rapporto meraviglioso, ma che è una persona meravigliosa in sé e per sé, un miracolo, come dice testualmente, per il quale lui non ha alcun merito.

  2. Jacopo Belbo Says:

    Anche l’invecchiamento come fenomeno sociale e le sue conseguenze economiche trovano spazio nella letteratura. Nel suo romanzo “La giostra dei criceti” Manzini architetta una soluzione radicale ai problemi dell’Inps: sopprimere fisicamente i vecchi con l’aiuto dei servizi segreti!
    Prima o poi qualcuno lo proporrà in Parlamento…..vedrai….


Rispondi a morgaine Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: