Alamogordo

Il 16 luglio 1945 ad Alamogordo (New Mexico) è stata fatta esplodere la prima bomba atomica. Un test, cui hanno fatto seguito, poche settimane dopo, le bombe di Hiroshima e Nagasaki.

Ancora oggi, la testimonianza di Robert Oppenheimer fa venire i brividi.

Poiché tendiamo a dimenticarcene (il rischio di un conflitto nucleare ci sembra sotto controllo!), riporto (da Wikipedia) gli effetti di un’esplosione nucleare.

Emanazione luminosa: l’intensità della luce emessa è così intensa da poter accecare istantaneamente una persona che la guardi direttamente anche a 60 chilometri di distanza. Testimonianze di alcuni sopravvissuti all’atomica di Hiroshima parlano dell’esplosione come dell’accensione di un secondo sole, ma 1000 volte più luminoso

Calore: la temperatura nel punto preciso dell’esplosione qualche frazione di secondo dopo lo scoppio della bomba, può raggiungere diversi milioni di gradi centigradi. Tale calore può spazzare via qualsiasi forma di vita nel raggio di diversi chilometri

Spostamento d’aria: la velocità del vento può raggiungere anche i 1500 km/h nei primi chilometri di raggio dall’esplosione, per poi diminuire con la distanza. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità questo, assieme al calore, rappresenta l’elemento che più di ogni altro causa distruzione di manufatti e morte degli esseri viventi nei primi istanti successivi alla detonazione

Emissione radioattiva: data dall’emissione di radiazioni di tipo alfa, beta, gamma e neutroniche. A causare questa emissione, oltre all’esplosione stessa, contribuiscono anche gli isotopi radioattivi rilasciati in una vasta area dall’ordigno. Inoltre, poiché la vita media di questi elementi può essere anche molto lunga, può esserci un inquinamento radioattivo che si protrae anche per molti anni

Dopo 2 o 3 ore dall’esplosione, avviene il richiamo di vaste masse d’aria circostanti, causato dalla rarefazione dell’aria negli istanti successivi all’esplosione. Quest’aria bollente e ad alta velocità causa generalmente incendi di vaste proporzioni nella zona investita.

Fallout radioattivo: cioè la ricaduta di materiale radioattivo. Per le particelle più pesanti avviene nelle prime 24 ore successive all’esplosione, accompagnato da forti piogge acide e radioattive, che a loro volta contribuiscono a portare a terra gli elementi radioattivi rilasciati in atmosfera. Il materiale più leggero può invece decadere dopo periodi molto più lunghi e in territori molto più vasti.

Effetto EMP (Electro Magnetic Pulse): è dovuto al rilascio di radiazioni elettromagnetiche di alta intensità, che possono causare l’impossibilità di utilizzare apparecchiature elettroniche per un certo periodo. Questo effetto è molto noto in campo militare perché potrebbe impedire la reazione del nemico

Gli effetti di esplosioni nucleari su vasta scala sono difficilmente immaginabili, soprattutto a causa dell’inquinamento da radiazioni che continuerebbero ad arrecare danni biologici anche per gli anni successivi e si estenderebbe velocemente su qualsiasi zona del mondo.

3 Risposte to “Alamogordo”

  1. morgaine Says:

    C’è stato ieri un terremoto in cui è stata coinvolta una centrale nucleare. Vedremo quanto ci diranno delle conseguenze. Il fall out è certo diverso in questo caso, ma a me le centrali nucleari continuano a sembrare pericolosissime e soprattutto non mi sembrano un’alternativa alle fonti rinnovabili. Come non lo è il biocarburante tratto da prodotti alimentari.

  2. Il barbarico re Says:

    Tssss, sappiamo tutti da qui guadagni il pane. Prezzolata!

  3. morgaine Says:

    Barbarico re, sei un po’ scemo, pensavo al vento e al sole e all’architettura che che chiamano biodinamica, che parola indecente per dire di costruire in modo da non sprecare risorse!
    Posso dire con orgoglio che la nostra è praticamente l’unica famiglia in Italia composta da quattro individui maggiorenni con una macchina sola!


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

<span>%d</span> blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: