Wisława Szymborska

Wisława Szymborska, poetessa polacca e Premio Nobel per la letteratura nel 1996, ha compiuto il 2 luglio 84 anni (è nata nel 1923 vicino a Poznań).

Una delle sue poesie più famose (e più belle) è questa:

Nulla due volte accade
né accadrà. Per tal ragione
si nasce senza esperienza,
si muore senza assuefazione.

Anche agli alunni più ottusi
della scuola del pianeta
di ripeter non è dato
le stagioni del passato.

Non c’è giorno che ritorni,
non due notti uguali uguali,
né due baci somiglianti,
né due sguardi tali e quali.

Ieri, quando il tuo nome
qualcuno ha pronunciato,
mi è parso che una rosa
sbocciasse sul selciato.

Oggi, che stiamo insieme,
ho rivolto gli occhi altrove.
Una rosa? Ma cos’è?
Forse pietra, o forse fiore?

Perchè tu, malvagia ora,
dài paura e incertezza?
Ci sei – perciò devi passare.
Passerai – e qui sta la bellezza.

Cercheremo un’armonia,
sorridenti tra le braccia,
anche se siamo diversi
come due gocce d’acqua.

2 Risposte to “Wisława Szymborska”

  1. velma Says:

    Un amico mi ha fatto conoscere Szymborska nel ’92 e anche POSSIBILITÀ è molto bella
    POSSIBILITÀ
    PREFERISCO IL CINEMA.
    PREFERISCO I GATTI.
    PREFERISCO LE QUERCE SUL FIUME WARTA.
    PREFERISCO DICKENS A DOSTOEVSKIJ.
    PREFERISCO ME CHE VUOL BENE ALLA GENTE
    A ME CHE AMA L’UMANITÀ.
    PREFERISCO AVERE SOTTOMANO AGO E FILO.
    PREFERISCO IL COLORE VERDE.
    PREFERISCO NON AFFERMARE
    CHE L’INTELLETTO HA LA COLPA DI TUTTO.
    PREFERISCO LE ECCEZIONI.
    PREFERISCO USCIRE PRIMA.
    PREFERISCO PARLAR D’ALTRO COI MEDICI.
    PREFERISCO LE VECCHIE ILLUSTRAZIONI
    A TRATTEGGIO.
    PREFERISCO IL RIDICOLO DI SCRIVERE POESIE
    AL RIDICOLO DI NON SCRIVERNE.
    PREFERISCO IN AMORE GLI ANNIVERSARI NON TONDI,
    DA FESTEGGIARE OGNI GIORNO.
    PREFERISCO I MORALISTI
    CHE NON PROMETTONO NULLA.
    PREFERISCO UNA BONTÀ AVVEDUTA
    A UNA CREDULONA
    PREFERISCO LA TERRA IN BORGHESE.
    PREFERISCO I PAESI CONQUISTATI
    A QUELLI CONQUISTATORI.
    PREFERISCO AVERE DELLE RISERVE.
    PREFERISCO L’INFERNO DEL CAOS
    ALL’INFERNO DELL’ORDINE.
    PREFERISCO LE FAVOLE DEI GRIMM
    ALLE PRIME PAGINE.
    PREFERISCO FOGLIE SENZA FIORI
    CHE FIORI SENZA FOGLIE.
    PREFERISCO I CANI
    CON LA CODA NON TAGLIATA.
    PREFERISCO GLI OCCHI CHIARI
    PERCHÉ LI HO SCURI.
    PREFERISCO I CASSETTI.
    PREFERISCO MOLTE COSE
    CHE QUI NON HO MENZIONATO
    A MOLTE PURE QUI NON MENZIONATE.
    PREFERISCO GLI ZERI ALLA RINFUSA
    CHE NON ALLINEATI IN UNA CIFRA.
    PREFERISCO IL TEMPO DEGLI INSETTI
    A QUELLO SIDERALE.
    PREFERISCO TOCCAR FERRO.
    PREFERISCO NON CHIEDERE
    PER QUANTO ANCORA E QUANDO.
    PREFERISCO CONSIDERARE
    PERSINO LA POSSIBILITÀ
    CHE L’ESSERE ABBIA UNA SUA RAGIONE.

  2. Non ne posso più dei partitini | Sbagliando s'impera Says:

    […] Dovrebbe essere chiaro a tutti che, al di là della verve polemica e della trovata letteraria, il valore di verità della frase è pressoché nullo (fa il paio con il tormentone gramsciano del pessimismo della ragione e dell’ottimismo della volontà, di cui ho già parlato su questo blog in una diversa occasione). Per di più, una nota e bellissima poesia di Wisława Szymborska ci ha ricordato una volta per tutte che nulla accade due volte (anche di questa ho già parlato, qui): […]


Rispondi a Non ne posso più dei partitini | Sbagliando s'impera Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: