Peso el tacòn del buso

Peggio il rattoppo del buco, si dice in Veneto.

Se si dovesse scegliere, tra i tanti, un esempio dell’italica furbizia e dei suoi tragicomici risultati si dovrebbe prendere la vicenda della presenza papale all’inaugurazione dell’anno accademico nella più grande università italiana per numero d’iscritti (non la più antica, né la più prestigiosa, però).

Riassunto delle puntate precedenti. A metà novembre si diffonde la notizia che Joseph Ratzinger, alias Benedetto XVI, è invitato a tenere la lectio magistralis in occasione dell’inaugurazione dell’anno accademico. Almeno il suo predecessore aveva formulato delle tardive e stentate scuse per il processo a Galileo Galilei e qualche altra assortita nequizia della chiesa. Ma questo non fa mistero di non pensarla così ed è stato fino all’altro ieri responsabile del Sant’Uffizio e distributore di censure a chiunque, dall’interno della chiesa, fosse portatore di istanze modernizzatrici (per me non fa molta differenza, ma per alcuni – lo capisco – ne fa molta). Tra l’altro, l’ultima volta che il pontefice ha tenuto una lectio magistralis, a Ratisbona, ha provocato la reazione indignata dei fratelli islamici: con buona pace dell’ecumenismo. I laici insorgono. Il professor Marcello Cini scrive una lettera aperta.

Il rettore Renato Guarini fa marcia indietro. Astuta soluzione: l’inaugurazione dell’anno accademico sarà rigorosamente laica, ma – dato che il papa si troverà quel giorno a passare di là – perché non invitarlo a dire due parole sulla pena di morte (che secondo il codice ecclesiastico e il catechismo della chiesa cattolica è pena prevista e lecita)? Magari apparentandola con l’aborto, come la retorica perversa di queste settimane ha preteso di fare? Esempio fulgido di genio italico.

Qualcuno protesta. 67 su 4.000, minimizza Guarini. Che protesta civilmente non lo dice nessuno. Anzi si grida alla censura e si invocano i principi della sacrosanta libertà di parola. Come se il papa non occupasse quotidianamente radio televisioni e carta stampata per intervenire pesantemente nella vita politica italiana e nelle questioni private dei cittadini, soprattutto in materia di sessualità. Come se questa non fosse l’ennesima, superflua occasione di dire la sua.

Le anime belle della libertà religiosa organizzano veglie e contro-manifestazioni. Sono gli stessi, badate bene, che appena qualche settimana fa si sono rifiutati di ricevere il Dalai Lama per non far irritare i preziosi partner commerciali cinesi (aveva fatto eccezione, gliene va dato atto, soltanto Bertinotti).

Poi il capolavoro: il papa non ci va più. Offeso, se fosse un comune mortale. Ma per alcuni non lo è: dunque maestosamente superiore alle nostre povere beghe. Autogol alla Cordoba.

Le anime belle, destra e sinistra, delirano all’unisono:

Veltroni: l’intolleranza fa male alla democrazia (ma anche…)

Berlusconi: intolleranza e fanatismo (Veltroni il fanatismo se l’era dimenticato)

Casini: onda di vergogna sull’università (il bìgamo)

Cicchitto: bravi nipotini di Zdanov e Goebbels (da che pùlpito, il nipotino di Bettino…)

Udeur: pessima figura italiana (come non concordare?)

Giordano: sono molto dispiaciuto (irrilevante, come solo lui sa essere)

Fini: profondamente amareggiato e indignato per il clima anticlericale (ma dov’era, in Spagna?)

Di Pietro: umiliato come cittadino e come credente perché la chiesa è portatrice di pace (rimandiamolo a scuola!)

Formigoni: Bush può andare in Iraq, il Papa no in una università (forse prima la dovrebbe invadere con le famose divisioni di staliniana memoria)

Ferrara: vergogna inaccettabile, tutto questo in odio a un uomo mite, colto, sensibile (sì, sta parlando di Ratzinger! voglio conoscere il suo pusher)

Castelli: hanno vinto i nazisti rossi (questa volta non i suoi nazisti verdi, evidentemente)

Follini: rinuncia a lezione di spirito liberale (Ratzinger l’ha denunciato per diffamazione, suppongo)

Calderoli: superato ogni limite (lasciatelo dire a me che me ne intendo)

Bertinotti: no comment (premio ignavia 2008)

Quest’oggi voto Boselli (e mi costa, veh se mi costa…):

“Quella di annullare la visita credo sia una scelta opportuna”. Lo afferma il leader del Ps Enrico Boselli. “Bisogna ricordare – osserva ancora – che il clero in questi mesi ha contestato leggi in vigore, penso alla 194, e ha ammonito a non fare altre leggi, penso a quella sulle unioni civili. Per questo quando entrano fortemente nel dibattito politico devono attendersi che qualcuno risponda”. Ai cronisti che chiedono se oggi si sia registrata una “vittoria laica”, Boselli boccia questa lettura: “Credo che nessuno abbia il diritto di mettere il bavaglio al Papa, ma di fronte a questi continui interventi del Vaticano è giusto che alcuni studenti, alcuni intellettuali abbiano il diritto di critica, hanno il diritto di ricordare che la scienza deve essere svincolata dalla religione. Quanto al laicismo – conclude Boselli – non credo esista. Esiste la laicità alla quale si ispira la stragrande maggioranza dei cattolici italiani. Piuttosto si sarebbe dovuto riflettere di più prima di avanzare questo invito, tuttavia tutto si può dire tranne che le gerarchie cattoliche non abbiano pieno acceso ai mass-media italiani com’è giusto che sia in un Paese democratico”.

Pubblicato su Grrr!, Opinioni. 7 Comments »

7 Risposte to “Peso el tacòn del buso”

  1. wu ming Says:

    “Disapprovo quello che dite, ma difenderò fino alla morte il vostro diritto di dirlo. ” Una religione che, attraverso le sue istituzioni e i suoi rappresentanti, ha imposto (in passato con le armi degli Spagnoli e dei Portoghesi, ad esempio) e impone (oggi a colpi di dogma), a tutto il mondo, la “sua” libertà di pensiero, che diritto ha di appellarsi a Voltaire? Ma perchè Sofri, su Repubblica del 15 gennaio 2008, ” è tentato di evocare la formula degli opposti estremismi”, dicendo “In nome di Galileo fate parlare Ratzinger ma la Chiesa rifletta sul proprio oltranzismo”?

  2. deeproland Says:

    già, sono concordante anche io con Boselli. ed ancor più convinto della inaudita dipendenza degli organi ufficiali di informazione.
    non ho fatto caso, è stato intervistato anche qualcuno dei firmatari della lettera o han parlato solo i nostri laicissimi politici di sinistra?

  3. Jacopo Belbo Says:

    L’inaugurazione dell’anno accademico alla Sapienza è nata e continua ad andare avanti sotto una pessima stella organizzativa.
    Dall’amministrazione dell’Università è stata diffusa oggi pomeriggio una circolare che informa tra l’altro:
    “che, per motivi di sicurezza, l’accesso all’interno della Città Universitaria sarà consentito solo al personale docente, tecnico-amministrativo e bibliotecario e agli studenti, tutti muniti di idoneo documento di identità e di titolo (badge, tesserino universitario, ecc.) dai seguenti accessi pedonali….”
    Ops!
    Immagino si tratti solo una distrazione, dovuta ai tanti guai che il rettore sta passando, alla quale verrà posto rimedio al più presto. Perchè, prendendo alla lettera il comunicato, sarebbe interdetto l’accesso all’ateneo a tutti (tanti) ricercatori “precari” che non hanno alcun badge, ma che ogni giorno sgobbano per mandare avanti la ricerca italiana e questo mi sembra un titolo sufficiente per poter essere presenti all’inaugurazione dell’anno accademico

  4. Galileo, Giordano Bruno e Guarini (la saga continua) « Sbagliando s’impera Says:

    […] Bruno e Guarini (la saga continua) Giovedì, 17 Gennaio 2008 — borislimpopo La vicenda della visita dal papa alla Sapienza si chiude oggi (speriamo) in modo grottesco, ma soprattutto intollerabilmente poliziesco: chiudere […]

  5. J.K. Rowling offende i Sikh « Sbagliando s'impera Says:

    […] se la proposta di censurare le frasi incriminate dall’edizione indiana del romanzo mi pare un rimedio peggiore del male. media.salon.com / Credit: […]

  6. Wagner e la termodinamica [La decrescita felice 2] | Sbagliando s'impera Says:

    […] L’Anello è, in fin dei conti, il racconto dell’origine dell’universo e dell’era degli dei, fino al crollo (al crepuscolo) di quel mondo, reinterpretato a partire dalle leggende nordiche (Ragnarok). Ogni intervento di Wotan nella storia è un tentativo maldestro, che causa il degrado della preesistente armonia: ogni toppa è peggio del buco. […]


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: